Salta al contenuto principale

Atri: Il Commissario NIco Carusi bloccherà l'ampliamento della discarica...Ora la bonifica.

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Fine della storia. L'inizio di un'altra storia.
di NOMINARE, ai sensi della L.R. 36/2013, L.R. 45/2007, art. 54 e s.m.i., e sulla base della DGR n. 804 del 05.12.2016,
il Sig. Nico CARUSI, nato il 5.12.1972 e residente in Tortoreto (TE) alla via Sisto V, n. 3, quale Commissario Straordinario
del Consorzio Comprensoriale per lo smaltimento RU Area “Piomba-Fino” di Atri (TE), e, per l’effetto, di revocare ogni
precedente incarico già affidato, stabilendo la durata del presente incarico commissariale in 6 (sei) mesi a far data dalla
notifica del presente provvedimento e sino alla nomina di un nuovo commissario, in ogni caso non oltre la piena operatività
dell’AGIR, con possibilità di ulteriore proroga/rinnovo qualora ne ricorrano le condizioni, anche al fine di garantire la
tempestiva e completa realizzazione di tutti gli interventi necessari alla corretta gestione dei rifiuti, decentrando i complessi
procedimenti previsti dalla normativa ambientale e del D.lgs. 50/2016 e s.m.i. in materia di appalti pubblici;"


I prossimi passi?
Tre discariche tra chiusure, messa in sicurezza e bonifica.
Il commissario Carusi dovrà far analizzare e controllare il fiume Piomba e tutta l'area circostante le discariche.
Dovrà ascoltare il comitato e le prove di un presumibile stato di inquinamento.
(
Indagini teletermografiche  della Fondazione Università " Gabriele D'Annunzio" che denunciano un evidente inquinamento del sottosuolo.
Una relazione tecnica del 10 Luglio del 2007, in cui il dott. Merla e i collaboratori a vario titolo, Prof e dott. Rainone, Signanini, Torrese e Madonna, hanno certificato la presenza di sorgenti endogene che con altissima probabilità scientifica sono alimentate dalla migrazione incontrollata di biogas e percolato.
Era la notte tra il 25 e il 26 Maggio del 2007, quando il rilevamento definito dei tecnici, sanciva la verità sulla seconda discarica di Santa Lucia.
La prima era crollata, inquinando il fosso della Portella e il Piomba.
La seconda continuava con la sua attività inquinante anche dopo il sequestro.)
https://iduepunti.it/22_giugno_2016/fotole-tre-discariche-di-santa-lucia-e-la-morte-del-piomba

Dovrà chiedere e verificare sull'arrivo di rifiuti da altre regioni. ( foto e targhe di oltre 200 tir in venti giorni)
Dovrà ordinare un'attenta analisi epidemiologica sull'intera area.
...e tra le altre varie ed eventuali ci sarebbero anche le inevitabili denunce a tutela della Salute Pubblica.

Buon lavoro...

Leggete
https://iduepunti.it/22_giugno_2016/fotole-tre-discariche-di-santa-lucia-e-la-morte-del-piomba

https://iduepunti.it/29_maggio_2016/le-discariche-di-contrada-santa-lucia-sono-un-crimine-
di-stato

 https://iduepunti.it/26_maggio_2016/caro-assessore-mazzocca-provincia-di-teramo-si-muore-di-cancro-e-mafia-di-stato




 

Commenta

Commenti

per bloccare la discarica serviva il commissario, e che commissario??

Direbbe Origene: da donum a officium.