Salta al contenuto principale
|

Il quartiere di Santa Maria Bitetto nella solita storia di incuria e degrado....

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Leggiamo " Il quartiere di Santa Maria a Bitetto è uno dei quattro rioni storici di Teramo.
Nero e rosso, secondo la descrizione dello storico Francesco Savini, ritraente elefante caricato di una torre in campo nero sul dorso. Si faccia sulla parte rossa l'elefante d'argento, sia perché tale metallo allude all'avorio della sacra torre scritturale, simbolo della Vergine Maria, sia perché il metallo deve apparire sullo smalto rosso. Il quartiere non è tra i più grandi della città, a differenza di San Giorgio e San Leonardo, ma è uno dei più antichi, fondato nell'epoca longobarda, giacché alla distruzione di Teramo nel 1156 da parte di Roberto di Loritello, si testimonia la presenza della Casa Urbani, una delle poche strutture rimaste in piedi dopo il devastante incendio. Il quartiere tuttavia fu destinato ad ospitare le famiglie più povere, e da ciò la scarsa presenza di monumenti solenni e signorili come palazzi e chiese. Il quartiere si sviluppa nella parte Sud-Est del centro storico, partendo dalla zona meridionale del teatro romano di Teramo, dove per mezzo di via Stazio si giunge alla chiesa di Santa Maria a Bitetto. Tale via, una delle principali, insieme alla moderna via Savini, porta dapprima a Piazza Giuseppe Verdi dove si trova l'ex convento di San Giovanni, oggi conservatorio musicale, e poi a Piazza del Carmine, dove si affaccia la chiesa omonima. A Sud il quartiere è lambito dalla Circonvallazione Spalato, che verso Occidente si collega al quartiere Santo Spirito, mentre altre zone storiche si trovano lungo via della Pinacoteca e via Pensiero, che sfocia nella Piazzetta del Sole, dove si affaccia la medievale Casa Urbani.

https://it.wikipedia.org/wiki/Quartiere_Santa_Maria_a_Bitetto
 

Oggi?
Senza cura.
L'incuria più totale tra rifiuti abbandonati, conferimenti sbagliati, sporcizia ovunque e la storia del rudere di via Muzii che rappresenta il fallimento dell'Amministrazione Brucchi  e per il primo anno dell'indirizzo D'Alberto, le cui ordinanze di pulizia hanno lo stesso effetto di uno shampoo per uno scarso crinito.
Tutto scivola a Terra.
Perchè?

 

Commenta