Salta al contenuto principale
|

Michele Seccia lascia Teramo per Lecce...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

L'avevamo scritto un anno fa.
Era costata una sberla cresimale all'ex direttore di Teleponte, Alfredo Giovannozzi.
Michele Seccia da Teramo arriverà come Arcivescovo Metropolita a Lecce.
Al termine dell'anno Berardiano che si concluderà al 901 anniversario della diocesi di Teramo, il 19 Dicembre.
Roma?
La Chiesa Romana guarda Teramo.
Non è una frase sibillina da Angeli e Demoni ma una litania che si sente ripetere nelle segrete stanze curiali.
Che cosa lascerà, Michele Seccia, ai cattolici teramani?
Fede, tanta fede.
C'è voluta tanta fede e il forte ricordo di Padre Serafino e Antonio Ragionieri per continuare nel Credo.
Pietas.
 

Commenta

Commenti

PROMOVEATUR ut REMOVEATUR ?
Un vescovo dalle larghe vedute se ne va, i misteri della quasi sonnecchiante Teramo forse un giorno verranno svelati.
Oggi però voglio ricordare il QUASI SANTO padre Serafino che diceva ".....noi preti dobbiamo essere leoni nei salotti e agnelli nelle sacrestie e .....non viceversa!!
Voglio ricordare anche quel GENTILUOMO di Tonino Ragionieri che un giorno disse "...e poi per essere un buon cristiano basta onorare Dio ed essere GIUSTI "
Meditate GENTE!
Aznavour

Era ora. Speriamo che venga nominato il nostro caro Don Gianfranco De Luca ex parroco di San Nicolò!

Spero che non ci ripensi.

Arriverà una altro pugliese protetto di galantino......uff!

Molto attaccato ai valori e ....sapori della terra e del mare