Salta al contenuto principale
|

Festini a base di vandalismo nel quartiere San Benedetto a Teramo

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Tornano i vandali.
Tornano i vandali nel luogo più vandalizzato di Teramo.
Il campetto polivalente di San Benedetto, il quartiere vicino di casa di Colleatterrato.
Panoramico tra mare e monti, ospita quasi ogni sera, lo sfogatoio per ragazzi ripieni di alcol e droga.
Un mix che nutre il lancio di bottiglie e altri danni.
Questa notte le solite scene e poi la fuga con le proprie auto.
I controlli?
Solite domande con le solite risposte.
Le soluzioni?
Trovare i fondi e far gestire l'impianto al comitato di quartiere o ad associazioni.
Per togliere il senso di morte, bisogna vivere i luoghi. 
 

Commenta

Commenti

E' stupefacente come i residenti di questo quartiere, a più di 20 anni dalla sua nascita, non siano riusciti a costruirsi un'identità attraverso una qualche forma di associazione, stabile nel tempo, che possa farsi promotrice di iniziative, tali da valorizzare il benessere sociale della loro residenza. Quei palazzi non devono restare "isole" ma "arcipelago", i cui abitanti sono chiamati ad essere cittadini che ancora fanno fatica a prenderne coscienza.

Molti anni fa si era formato un comitato di quartiere( San Benedetto), si stava creando anche un giornalino e per 2/3 anni avevano organizzato anche una piccola festa annuale in piazza ( ovvero l'area parcheggio). Sembrava che le cose potevano volgere per il meglio ma già al 2" anno di festa c'era già il monopolio delle bancarelle e dei vari stand ( mi spiego) : l'accesso dei vari commercianti a quella festa era riservato sempre e solo alle stesse persone. Decidevano sempre gli stessi, gli altri abitanti del quartiere servivano solo per fare le offerte per la festa. Anche per questo motivo molte persone hanno rinunciato ad interessarsi al quartiere e ai suoi problemi, se non cambia la mentalità in quella zona non cambierà mai nulla. Attualmente la 1" priorità in quel
quartiere e la seguente: IL PARCHEGGIO DELLE AUTO POSSIBILMENTE FIN DENTRO IL PORTONE DI CASA, OCCUPARE 2 POSTI AUTO, COSI LA SERA LA MOGLIE E O IL MARITO QUANDO TORNA A CASA HA IL PARCHEGGIO LIBERO.Be sii effettivamente fare 20/30 metri a piedi dal parcheggio pubblico è molto faticoso.....Mi dispiace: ma in quella zona deve prima di tutto cambiare la mentalità di molte (non tutte) persone che vi risiedono e poi si potrebbe pensare a riqualificare la zona , educazione dei figli ,atti di vandalismo ecc.( Comunque in generale gli atti di vandalismo e quant'altro ci sono in TUTTA LA CITTÀ, CENTRO COMPRESO.