Salta al contenuto principale
|

Lettera aperta a Luciano Monticelli sul peggiore ufficio sisma del cratere...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Quando la politica non vede. il popolo si ravvede.
Caro Luciano Monticelli, caro consigliere regionale Monticelli, l'ufficio sisma è anche e soprattutto un affare nostro e suo.
Quando la politica nomina un proprio uomo di fiducia, al comando di un gruppo di professionisti che dovrebbe risollevare le sorti economiche, sociali, umorali e sentimentali di una società scossa dagli eventi sismici, dovrebbe avere la coscienza pubblica di porsi dei dubbi.
Se l'Ance, gli ordini professionali, i tecnici, i cittadini, si lamentano del muro burocratico e umano alzato dal palazzo delle Istituzioni; se nulla viene fatto per agevolare dei chiarimenti, degli equivoci; se il tempo scorre senza nessun passo avanti mentre in altre regioni tutto sembra più verde compreso l'erba del vicino, qualcuno dovrebbe fare un passo indietro.
I nostri, oramai, sono spalle al muro.
Ci arrendiamo di fronte ai numeri e non alle parole o alle promesse.
Condannati dai fatti e da una formula piena di delusioni. 

Commenta

Commenti

Caro Giancarlo, tu che di solito sei magistralmente attento alle parole, stavolta hai sbagliato. Non è un affare nostro è suo;
è cosa nostra....

Ah, gli amici!!!

Come mai se dirigente dell'ufficio tecnico ed urbanistica al Comune di Pineto è tanto bravo non se lo sono tenuto stretto stretto?

Acqua Chiara io pubblico tutto che ciò è sinonimo di educazione. I modi gentili sono benvenuti.

Le rispondo. Monticelli ex sindaco di Pineto.
D'Alberto dirigente a Pineto. Secondo lei?