Salta al contenuto principale
|

I soliti incvili al concerto di Massimo Ranieri. Offeso anche un disabile.

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Una serata anzi serate meravigliose regalate alla Città di Roseto.
La sesta edizione del festival organizzato dall’Associazione musicale Le Ombre, presieduta dalla generosità del dottor Silvio Brocco e diretta da Morgan Fascioli, è stata un successo senza precedenti per attenzione, presenza, qualità degli ospiti.
Poi, l'italica fila di alcuni tiratori di fune non abituati al vivere civile e che potrebbe essere da monito per le prossime edizioni.
Timbrare i pass usati e una maggiore cura per i disabili.

Riceviamo e Pubblichiamo.

Caro Giancarlo,

Ti scrivo per raccontarti ciò che è accaduto ieri, prima del concerto di Massimo Ranieri.
Un "concerto nel concerto", che non aveva purtroppo nulla di musicale.
Un coro fatto di urla, insulti stonati e parole fuori luogo.
Nessun direttore d'orchestra a dirigere, ma solo poveri uomini della sicurezza di fronte ad una folla di persone, pronta ad entrare con qualsiasi mezzo, con o senza pass, pur di avere un posto nelle prime file.

La nota stonata? Un disabile in carrozzina che cercava di entrare con il suo pass.
Le persone lo spingevano, qualcuno ha urlato: "Pensi che siccome hai la carrozzina puoi passarmi avanti?".
Vicino a me un padre cercava di entrare con la madre anziana.
La donna è stata strattonata, con il rischio di entrare al concerto con un braccio in meno.
Una signora è caduta per terra.
Un uomo senza posto riservato ha cominciato a spingere tutti contro le transenne nel tentativo di entrare, finendo a insultare chiunque lo invitasse a calmarsi.
Altri passavano il loro pass oltre le transenne per regalare il concerto ad amici e parenti.
Risultato?
Alle 21.45 le persone erano in piedi e senza possibilità di sedersi ai propri posti riservati.
Qualcuno è svenuto, qualcuno ha rinunciato.

Una vergogna.

 

Commenta

Commenti

Negli anni passati ho sempre notato che la manifestazione ha sempre riservato posti in un grande spazio in prima fila a vip e personaggi del posto . Non ho mai capito con quale logica e perché . Piena solidarietà per i disabili i quali è certo che tutti avevano il pass ? E gli anziani tutti tutti hanno avuto la possibilità di avere il pass ? È prevedibile che con i tempi che corrono i trogloditi prendono il sopravvento . Certe manifestazioni realizzate con pubbliche risorse andrebbero organizzate senza privilegi per i soliti noti o presunti tali del posto .