Salta al contenuto principale
|

Cartellini Asl: Tutti assolti poi il pianto a dirotto...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Sergio D'Ostilio al telefono era felice e piangeva.
Un limbo emotivo. Uno sfogo senza nessuna parola contro ma solo a favore della Giustizia.
Mani al volto e testa china a rivivere tutto ciò che non avrebbe mai pensato di dover sopportare.
Un peso continuo e costante sul cuore e sulla mente.
Tachicardia, fibrillazione, insonnia e altri brutti pensieri.
Un incubo e la fine di una storia che ha avuto pesanti conseguenze emotive e di salute.
Tredici anni di condanne richieste dal pm Davide Rosati per i due tecnici del Sian, D'Ostilio e Volpi, per la dirigente Maria Maddalena Marconi, per Guido De Carolis, tecnico della sicurezza sul lavoro e Valerio Benucci dirigente dello stesso settore.

Leggeremo le motivazioni fra 90 giorni ma intanto i fatti non sussistono e non costituiscono reati.
Il collegio difensivo?
Gli avvocati, Gennaro Lettieri, Daniele Di Furia, Florindo Tribotti, Fausto Castelli e Stefano Maranella.

Un abbraccio personale a tutti voi...

 

Commenta

Commenti

Ed in termini economici? E mo chiè paghe?

Tachicardia , insonnia ecc. Sono i problemi di coloro che non hanno un lavoro ed hanno moglie e figli a carico. Sbaglio o alla asl hanno beccato anni addietro i furbetti che timbravano e poi andavano a lavorare altrove.

Caro anonimo, paghiamo noi cittadini. Chi vuoi che paghi? Oltre agli imputati chiaramente, che hanno pagato emotivamente, materialmente e socialmente.