Salta al contenuto principale
|

Macerata. Cari razzisti, Dio è in quel letto innocente. Ascoltate la sua storia...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Una vendetta.
Traini si voleva vendicare del brutale omicidio della giovane Pamela Matropietro.
Un "nero" l'avrebbe uccisa?
Tutti i neri devono pagare.
Un sillogismo razziale che non fa una piega nelle teste vuote di tanti giustizieri da tastiera libera.
Quelli che mentre scrivono si scaccolano e perdono gran parte del loro cervello emotivo.
Quei neuroni che non si riproducono.
Vi immaginate la logica?
Un ragazzo cinese provoca un incidente mortale e tutti i cinesi devono per riflesso, morire investiti.
Un Italiano spaccia la droga di Secondigliano, muoiono ragazzi e ragazze ogni giorno per la roba tagliata male e allora, tutti gli italiani devono morire "siringati".
Eppure, è così.
In questa corsa frenata all'odio che non richiede uno sforzo di pensiero ma è semplicemente un fatto di pancia, la terza pancia, quella sotto l'intestino, noi sentiamo l'altro senso.
Una evacuazione fecale e diretta.
Il sollievo dei senza spirito, ecco, a loro e allo stato Italiano che non ha compreso il degrado della mancata integrazione e di una politica sull'immigrazione inesistente e raffazzonata, consiglio la visione di questo video.
Pochi secondi di un ragazzo, vent'anni, scappato da luoghi lontani, da una guerra, dalla mancanza di cibo per trovare la quasi morte a Macerata.
Colpevole di vivere. https://www.youtube.com/watch?v=xYzUn06parg
Dio è in quel letto.
Chiamatelo come volete è sempre lui...


 

Commenta

Commenti

Gianca' non ti ci mettere pure tu, giá tutti i giornali e i politici si stanno riempiendo la bocca con questa storia. Tutti quelli che vanno in ospedale a dimostrare la grande disponibilitá e apertura mentale, mica sono andati dai genitori della ragazza fatta a pezzi, dalle famiglie dei 3 operai morti nel silos in lombardia, a trovare i malati di cancro dell'Ilva, i militari dell'esercito che sviluppano i tumori dopo le missioni all'estero o i migranti che stazioniano nei campi profughi della Libia... No, quelli non fanno notizia, non portano voti, poltrone o poltroncine... A questi sei gli daranno la cittadinanza, una pensione o un bel pacco di soldi e tutto si risolve... perché tutta sta caccia alle streghe? Il pazzo é giá in galera e ci stará per un pezzo se qualche cavillo tutto italiano non lo tirerá fuori. La storia é giá finita. Basta.

Bruttissimo episodio da condannare.
Come altrettanto brutto è stato sezionare il corpo di una ragazza. L'ennesima donna. Discriminazione anche questa, ma più difficile da debellare, ancora troppo radicata. Peccato che di questo nessuno abbia parlato. Immagino il dolore dei suoi genitori e fratelli, di ogni genitore che dopo la morte improvvisa di un figlio subisce lo strazio dello smembramento del suo corpo. Ma nessun politico ha pensato di portare la sua solidarietà pubblica. Nessuna informazione si è fermata su questo.
Dio è anche in quella povera nostra figlia morta due volte.

per quale motivo non vanno in egitto, israele, turchia??....tutti da noi sbarcano...per forza comandano loro.