Salta al contenuto principale
|

La Vergogna: I 200 milioni di euro per l'A 24 e A 25 sono del nostro Masterplan. Addio restauro dell'ex Manicomio di Teramo?

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Aiutateci a comprendere.
I duecento milioni di euro per la manutenzione straordinaria dei piloni dei viadotti per l'A 24 e A 25 provengono dal fondo per lo sviluppo e l coesione 2021 2015?
E tutta quella progettazione di cantieri che aspettano quei finanziamenti?
Quei comuni abruzzesi che aspettano per ragioni economiche, di sicurezza, di sociale, di lavoro quei contributi?
I Centri storici che attendono il restauro?
Le strade franate, le strade divelte, i danni di alluvioni, della storica nevicata del 2017?
La Funivia di Chieti?
Il Manicomio di Teramo?

LA verità?
Art 16 del decreto Genova.

" 2. Ai fini della prosecuzione degli interventi di ripristino e messa in sicurezza sulla tratta autostradale
A24 e A25, di cui all’articolo 16-bis, comma 1, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito,
con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123, all’articolo 1, comma 725, della legge 27
dicembre 2017, n. 205 sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al primo periodo, dopo le parole “per l’anno 2018” sono inserite le seguenti: “e di 142
milioni di euro per l’anno 2019” e le parole “l’anno 2021 e di 8 milioni di euro per
l’anno 2022” sono sostituite dalle seguenti: “ciascuno degli anni 2021, 2022, 2023, 2024
e 2025”;
b) al secondo periodo, dopo le parole “per l’anno 2018” sono inserite le seguenti: “e a 142 milioni
di euro per l’anno 2019”;
c) le parole “58 milioni di euro”, ovunque ricorrano, sono sostituite dalle seguenti: “108 milioni
di euro”;
d) il terzo periodo è sostituito dai seguenti: “Il medesimo Fondo per lo sviluppo e la coesione,
programmazione 2014-2020, è incrementato di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2021 al
2025. Il CIPE provvede alla conseguente rimodulazione a valere sulle assegnazioni per interventi già
programmati nell’ambito dei Patti di sviluppo sottoscritti con le regioni Abruzzo e Lazio, di cui alle
delibere CIPE n. 26 del 2016 e n. 56 del 2016.”.


Ecco il pericolo di quei Viadotti.
Il Ministro Toninelli e la sua paura.
...https://www.facebook.com/danilotoninelli.m5s/videos/2167562023460295/

Scusate e i soldi dei nostri pedaggi?
Cari pedaggi?
Siamo proprio sotto un ponte anzi, sotto un viadotto.
Colpa nostra...



 

Commenta

Commenti

Ecco, Giancarlo, aiutaci a comprendere: semplicemente riportando il testo di legge, non lo fai.
Potresti integrarlo e proporcelo completo delle aggiunte e tutto sarebbe molto più chiaro.
In base a quanto è riportato nel tuo articolo non si capisce.
Però ti faccio presente una regola dei fondi europei: la programmazione 2014-2020 prevede 7 anni per programmare, progettare e REALIZZARE interventi. Se non si completa un'opera entro il 2020 i soldi stanziati per quell'opera tornano indietro. TUTTI.
Quando si vede che una causa (intervento) è persa perché a due anni dalla conclusione ancora non c'è uno straccio di progetto (figurarsi a bandire la gara e completare l'opera in 2 anni) è normale procedere con una rimodulazione spostando il finanziamento su interventi immediatamente cantierabili che assicurino il buon esito entro la scadenza.
Il problema non è uno "scippo" di risorse ad un territorio da parte di gente cattiva - e parlo di UE, non di 5 stelle - ma il perché, ad oggi, molti interventi stanno, dopo 5 anni (!) - di governo Chiodi + D'Alfonso, se non erro - ancora alle chiacchiere iniziali.
Il resto, eventualmente, è (purtroppo) solo cosa buona e giusta.

Ok, però una cosa va puntualizzata ... questo benedetto masterplan sono cinque anni che va in giro ma in concreto non si è visto poco o nulla...