Salta al contenuto principale
|

Autismo: Verso la soluzione Asl il problema del bambino di Roseto

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La sintesi del problema è stata denunciata da Abruzzo Autismo Onlus.
" Quanto costa la dignità di questo bambino?
E quanto costa la qualità della vita di questa famiglia? E quanto ancora dovrà subire il padre?

Gino non c’è la fa più. La ASL di Teramo non concede l’autorizzazione al servizio residenziale fuori regione con l’assistenza adeguata (1a1) a Giorgio. Asl e Regione Abruzzo non offrono soluzioni alternative.

Gino ha 70 anni, è diabetico e cardiopatico. Suo figlio Giorgio di 13 anni è autistico. La madre di Giorgio è morta il 18 luglio dopo una lunga malattia. Gino e Giorgio vivono oggi a Roseto ed hanno solo 9h settimanali di attività riabilitative presso un centro diurno a Teramo".

La soluzione del problema sarà resa ufficiale nelle prossime ore per l'interessamento dei vertici della regione Abruzzo in materia sanitaria; dell'Asl di Teramo, di Maria Di Domenico e della parti sociali interessate.
Si partirà con l'autorizzazione per 90 giorni e poi si farà la verifica dei miglioramenti di Giorgio.
Ci vuole un villaggio per crescere un bambino. Ci vuole un bambino con autismo per elevare la coscienza del paese». (Coach Elaine Hall).
Non esiste un bambino autistico uguale ad un altro e questo senso di unicità che dovrebbe farci riflettere. 

Commenta