Salta al contenuto principale
|

Lampioni spenti sulla Teramo Mare. Comitato pronto alla denuncia....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Mancherebbero i requisiti minimi di sicurezza stradale sulla Teramo Mare.
Non per il manto stradale che in alcuni tratti è ondulatorio, non per i sobbalzi da giunti, non per il limiti di velocità che sono passati senza una chiara motivazione da 110 chilometri orari a 90, non per essere stata progettata sulla adiacenza del fiume Tordino, non per il pericolo di attraversamento di animali con la mancanza di reti a protezione, non per le entrate con lo stop o la mancanza di una corsia di emergenza,  ma semplicemente perchè sulle rampe di accesso alle varie uscite ed entrate manca la luce da oltre due settimane.
Un comitato di automobilisti, nato a San Nicolò e formato da oltre 300 utenti della strada, hanno deciso di filmare e presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Teramo e alla Polizia stradale per il controllo immediato di sicurezza sull'asse viario.
Il tratto più pericoloso?
Il buio sull'entrata per San Nicolò.
Era una roulette russa prima con due corsie, figuriamoci ora.
In fondo, quando si chiama buio è sempre un azzardo ma qui si punta la vita e ci sembra un Atto immorale. https://www.youtube.com/watch?v=-4alX6HOEpY

 

Commenta

Commenti

Strada pericolosa, il limite di 90 km/h é di gran lunga superiore alla velocità di sicurezza sul tratto Teramo Villa Zaccheo. I cittadini hanno una minima percezione della pericolo o dobbiamo aspettare la tragedia?