Salta al contenuto principale

Guida pratica alla Massologografia

di Fabio Fidanza
2 minuti

Oggi vi spieghiamo in 5 semplici passi come creare un simpatico logo da utilizzare su mascotte, t-shirt, cappellini.
Come ispirazione utilizziamo il vecchio logo che appariva sul petto dell'architetto–guida di Teramo Virtual City, che ha recentemente perso la sua effige.

1) Andate su Google Immagini e cercate "freemasonry plaque" che in inglese vuol dire "placca massonica" (cliccate qui per fare prima). Tra i primi risultati troverete una bella placca rotonda, cliccateci su, e finirete in questa pagina, di un sito che tra le altre cose vende oggetti a tema massonico.

2) Ora copiate la seconda immagine della pagina (il nostro è un esercizio di grafica, quindi non ci preoccupiamo dei diritti d'autore), salvatela sul vostro computer ed aprite il vostro Photoshop (figura 1).

3) Invertite l'immagine e dategli una raddrizzatina, eliminando i contorni superflui (figura 2).

4) È il momento di dare una ritoccata ai colori (figura 3).


 

5) Et voilà! Il nostro logo è pronto, (quasi) uguale all'originale! (figura 4)

 

Arriverci alla prossima puntata, per ogni domanda scrivete pure qui sotto.

• • •

La placca di cui sopra, come potete leggere nella pagina web citata, è in vendita, prodotta da una società americana. Magari ce n'è qualcuna in giro e qualcuno l'ha fotografata e qualcun'altro l'ha usata per la mascotte di Teramo Virtual City. Il perchè ci è ancora ignoto.

Ora alcune fantasiose ipotesi.

– La disegnatrice ha veramente preso questa immagine per sbaglio, senza conoscerne il significato simbolico.
In questa condizione i Massoni credo abbiano riscontrato un abuso del proprio simbolo. Avremmo dovuto ricevere non una smentita dal Comune, ma anzi una linda ammissione di errore, che avrebbe chiuso il caso.

– Il simbolo è stato usato consciamente e poi rimosso dopo la segnalazione di Olivieri e Serpentini. Perchè dunque la smentita ufficiale del Comune? Gesto pavido?

Commenta

Commenti

Fabio Fidanza, sposami! :D :D
Mi piacerebbe sapere cosa dicono il Sindaco Brucchi, l' Assessore regionale nonchè Consigliere comunale Di Dalmazio, la dott.sa Paola Di Felice, la dott. sa Eva Petroni... Complimenti.
che cazze vo dice, se te d'ha stà sole zitte!
Cari amici, il problema  non sta tanto nelle pseudomassonerie o nei poveretti che si eccitano all'idea di appartenere a qualcosa.. La loro meschinità sta proprio nel fatto di avere necessita' di associarsi per dare una copertura alla loro insignificanti vite,... Te li immagini senza le loro riunioni e le loro "parnanzette" quanto si sentirebbero inutili? L'unione fa la forza , anche tra i cretini. La tristezza sta nel fatto che questi esseri inutili, nei loro tristi ambiti, decidono, sentenziano, moralizzano e condannano, facendo veramente del male a chi e' diverso da loro, ovvero a chi e' libero, perché questi schiavi sanno e debbono solo obbedire, non importa a chi o a cosa, l'importante e' dover obbedire, dove la mortificazione dell'obbedienza e' mascherata dalla forza del gruppo, dalla vigliaccheria di chi può colpire senza volto. 
concordo con liberocammino... certi tipi di "associazioni" non possono avere altro nome che "setta". segreto, interesse personale, potere... solo queste sono le ragioni che legano gli aderenti... giammai bene comune o sciocchezze di questo genere. al di là del giudizio sulla massoneria, che potrei estendere - ad esempio - su gruppi come il Lyon's club o il Rotary (se qualcuno potesse spiegarmi a che servono gli sarei grata), pregherei il gentile sindaco di essere più cauto, invece di precipitarsi a dare risposte (anche quando lo fa per bocca di altri, come la simpatica dott.ssa Eva Petrini) che poi sono puntualmente contraddette dai fatti. che figura di m....!!!!!
... si nascondono....semplicemente si nascondono.....perchè? perchè hanno qualcosa da nascondere! Chiedetevi piuttosto che cosa nascondono! Che fanno?
Penso che ognuno di noi, dovrebbe eleggere nel proprio animo e nella vita, un esempio di persona che si sia distinta per onesta' , per coraggio, per umiltà, per bellezza interiore. E comportarsi come se questa specie di angelo custode fosse vicino a noi sempre , Tad osservare la nostra coerenza ai sani principi che dovrebbero accomunare tutti gli individui dotati di senso del rispetto e di una buona dose di autocritica. Ed invece cosa accade nella nostra società , che sia quella di riverbero nazionale o quella più ristretta Teramana? Viene assunto troppo spesso come riferimento un modello che definirei, con grande precisione purtroppo , vino e porchetta. Da tanti anni impera in una parte dei cittadini questo afflato nei confronti di personaggi di infimo profilo, che, ripercorrendo un cliché ormai desueto e consumato, promettono, lusingano e più precisamente ingannano. Azzarderei anche un profilo al limite del " lombrosiano": bassotti, (come la banda di topolino), arroganti, millantatori e...barzellettieri... Alle prossime elezioni fuggiamo da queste macchiette da presepe napoletano e rispediamo ai loro domicili i loro bigliettini elettorali......