Salta al contenuto principale
|

L'Abruzzo-Umiliato. La Ricostruzione è ferma al palo....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Prima cosa da studiare per evitare di scrivere da ignoranti.
Ricordo a me stesso che l'Usr, l'Ufficio Speciale per la Ricostruzione è di responsabilità regionale e non comunale.
Ricordo a me stesso che dal 2016, Teramo è riuscita a cantierare praticamente il nulla.
Ricordo a me stesso la differenza con la Ricostruzione delle Chiese e la diversa procedura e cultura politica del Vescovo Leuzzi.
Ricordo a me stesso che su trenta pratiche protocollate all'Ufficio Speciale per la Ricostruzione, dieci vengono rimandate indietro perchè incomplete o perchè nutrite da errori procedurali.
Ricordo a me stesso che la Ricostruzione ha fondamentale importanza per la rinascita di Teramo sotto il punto di vista economico, sociale ed emotivo.
Ricordo a me stesso che i tecnici degli uffici e il commissario Rivera, appena confermato alla guida, dovrà restituire dignità a un intero territorio che soffre per isolamento e abbandono dello Stato Centrale.
Ricordo a me stesso che molti teramani hanno deciso di non tornare a vivere nel capoluogo.
Ricordo a me stesso che una simile sconfitta è il male di tutti, quasi tutti. 
La politica?
I politici?
https://www.youtube.com/watch?v=IIufl4PZekQ&t=2s



 

Commenta

Commenti

Vorrei ricordare all ex Assessore Fracassa che ,seppur le Sue affermazioni possamo trovare il giusto riscontro sui ritardi insccettabli sulla ricostruzione,nel 2016 2017 lo stesso faceva parte della giunta di centro destra dell'ex Sindaco Brucchi.
Aggiungerei inoltre,che l'attuale Presidente Marsilio, è stato eletto con tantissimi voti di cittadini Teramani,non che l ex D'Alfonso fosse stato migliore......ma come ho sempre pensato e continuo a farlo,al presidente Marsilio di Teramo
non glie ne FREGA NULLA.....
Se a tutto questo,ci aggiungiamo di aver avuto una confusione politica totale i questi 14 mesi a livello nazionale,come volgarmente si dice;" LU COTTE SOVRA LU BULLITE..."
Conclusione, passeremo i prossimi dieci anni,e io spero di non ricordarlo,nelle stesse condizioni,se non peggiori.

Continuerete a scrivere così per decenni.