Salta al contenuto principale
|

Nasce il comitato unico delle frazioni di Teramo. Protesta sugli asfalti...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Zero manutenzione e zero asfalti.
Zero sicurezza.
Si chiamerà Zero, il comitato che riunirà le frazioni di Teramo.
Primo passo, una protesta sotto il palazzo del Comune di Teramo in via Carducci.
Lo stato delle strade che mina ogni giorno la sicurezza dei residenti e il trasporto pubblico locale che isola i piccoli centri.
Chiederanno il motivo di un piano asfalti che li vede costretti a un altro inverno da precari e maggiore attenzione nelle manutenzioni ordinarie...

Commenta

Commenti

Perché il centro della città sembra per caso che benefici di particolari attenzione da parte dell'amm.ne ?

Incapacità cronica di gestire, organizzare e verificare quei pochi lavori che vengono effettuati, bugie e promesse non rispettate sulle manutenzioni di ogni sorta.

La peggiore giunta comunale di sempre a livello nazionale.

Una vergogna per la città ed una lezione magistrale per chi li ha votati.

In una nazione seria questi verrebbero messi alla porta a furor di popolo !!!!!

Ma vi rendete conto ?
Praticamente deve nascere un comitato per le buche, questi pseudo-politici sono ridicoli. Non sono capaci di tappare le buche ma pensano sempre a lavori megagalattici, ma secondo voi ci sono o ci fanno ?

A che livelli siamo arrivati? Mai vista in nessuna città una protesta a simile... sempre più in basso teramo..

Il Sindaco è impegnato nella ricerca di un "energy_man" perché nel palazzo di città si consuma troppo. Ci vuole una figura che insegni i dipendenti a spegnere luci, condizionatori e altro prima di finire il lavoro. Perciò di asfalti, sfalcio, pulizia, segnaletica e decoro cittadino non se ne parla seriamente.

Stiano sereni gli abitanti delle frazioni, gli asfalti sono VERGOGNOSI anche in pieno centro......emblematico il ponte San Ferdinando!
Manutenzione, questa sconosciuta....

La nascita di un comitato unico sarà la condanna di tutti i piccoli e utilissimi comitati di frazione con i componenti apicali che soffocheranno i più piccoli a vantaggio dei più grandi (già abbastanza evidente).

Benissimo, la critica costruttiva è doverosa... ma un interrogativo si rende necessario... dove siete stati fino ad oggi con Teramo ridotta ad uno scempio per anni e anni, dove non lo Zero ma lo Zero assoluto ha distrutto città e frazioni?

Meno male speriamo che qualcuno finalmente ascolti le piccole frazioni. La vedo veramente dura.

Emblematico il centro storico... Via Carlo Forti riasfaltata pochi mesi fa e bucata nuovamente dai lavori la settimana scorsa...