Salta al contenuto principale
|

Teramo 3.0 fuori dalla maggioranza D'Alberto. Pronto il Documento....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

" Ieri sera avete coperto di vergogna il comune di Teramo. Dovevate risparmiarcelo, ma evidentemente la vostra fibra morale è inesistente"...

Ieri sera?
A chi si riferiva, Christian Francia, presidente di Teramo 3.0?
Alla presenza del senatore Luciano D'Alfonso al tavolo dei relatori sullo Statuto comunale.
Sedevano alla destra e sinistra del tavolo e del "Padre" i consiglieri Speca, il sindaco D'Alberto, l'ass. Falini.
Le invettive contro l'ex Presidente della Regione Abruzzo raggiungono l'analisi etica e morale. 
IL consigliere Speca prova a ricordare al presidente Francia le vicende giudiziarie di D'Alfonso e altri, ricordano la presenza in Giunta della moglie di Francia, il vice sindaco Maria Cristina Marroni.

La risposta?
IL vice sindaco non è indagato per nulla e ieri non a caso era rigorosamente assente all'incontro vergognoso".


Lunedì mattina sarà pronto un documento politico in cui si chiederà al vice sindaco Marroni e a tutta Teramo 3.0 di dissociarsi dalle parole di Francia o sarà invitata e saranno invitati  ad uscire dalla maggioranza. 



 

Commenta

Commenti

Ridicoli, sempre di più.
...e Teramo è nella melma, sempre di più.

Hanno polemizzato per la professoressa sospesa, perchè la sinistra urlava che si era calpestata la democrazia e la liberta di parola e pensiero. Ma con la vice sindaca il nostro Sindaco e maggioranza applicano la "NON LIBERTA' DI PENSIERO E DI PAROLA" minacciando che il partito che appoggia la maggiornza di espellerlo. La vice sindaca ha espresso il suo "PENSIERO LIBERO" perchè invitare ex Governatore che ha reso povera l'Abruzzo, abbandonato Teramo fuggito a Roma dopo aver rubato a noi Abruzzesi. Gianguido ti ammiravo per le tue idee giovani, ma il partito e partito...

Proprio sicuro che lunedì ci sarà questo documento ? non è che è come quello di quando Luzii si candidò alle regionali .

Che schifo!!!!