Salta al contenuto principale
|

Marco Divitini non è ignoto a Noto. Grande successo del Maestro teramano...

2 minuti

Il prodigio della fotografia è di essere traccia, racconto, memoria della storia e di rendere eterni, attraverso un solo momento, “quei simboli, e quindi quei valori, che riteniamo debbano durare per sempre, quando invece sono fragili e suscettibili di scomparsa”. Con questo intendimento e consapevolezza promuoviamo un nuovo progetto espositivo ed editoriale certi che le immagini raggiungeranno l’eternita’ che meritano.
“Noto d’Autore” è l’headline autoreferenziale della mostra fotografica di Marco Divitini legato alla urban vision “en plain air” della città barocca e i suoi luoghi, già patrimonio mondiale dell’Unesco, a cura di Altera Domus in collaborazione con il Comune di Noto, dal 27 aprile al 26 maggio 2019, alla Galleria Palazzo Nicolaci. Una grande abilità tecnica, frutto di approfonditi studi ottico-percettivi, e il desiderio di trovare una chiave di lettura diversa per la fotografia del paesaggio urbano conducono il fotografo teramano a concentrare la sua ricerca sugli effetti della luce, unica protagonista dei suoi lavori. Nelle sue fotografie in bianco e nero ottenute con la tecnica di ripresa in luce infrarossa “IR”, come strumento di espressione artistica e visiva che ne definisce la peculiare cifra stilistica, la città con le sue architetture e i suoi brani di vegetazione ci appaiono galleggiare in una dimensione evanescente, metafisica, sospesa, atemporale in cui lo spazio, la luce, e il tempo sembrano infiniti, eterni. Marco Divitini punta il suo obiettivo su una comunicazione visiva che diventa narrazione per immagini cariche di enfasi descrittiva e capaci di impressionare in un istante. La mostra riunisce tre sezioni: la città antica, quella settecentesca e i suoi dintorni, che pongono in relazione il genio creativo con il genius loci e diventano documentazione di un’avventura di viaggio in cui si coglie lo spessore creativo e narrativo dell’autore. Un progetto fotografico di intenso impatto visivo in cui ogni immagine è narrazione di uno stato d’animo, di un’impressione, di un’esperienza autentica che trasmette all’osservatore il senso del viaggio emotivo compiuto in un luogo che non è semplice ambientazione fotografica di passaggio, bensì luogo di permanenza dell’anima, e al contempo diventa come lo definisce Cinzia Pierantonelli: “nuova frontiera del lifestyle, di colui che crea turisticamente valori aggiunti con il suo archivio di ricordi, e l’interiorizzazione dei luoghi”.

Commenta

Commenti

Marco Divitini,un artista della fotografia,una persona sempre disponibile,gentile e sorridente.
Le.sue opere fotografiche in.bianco e nero quando
ho occasione.di ammirarle,mi.provocano una grande emozione.

Artista di chiara fama
Migliora giorno per giorno
Teramo ringrazia

Grande Marco.
Persona eccezionale e soprattutto grande maestro della fotografia. Nr.1