Salta al contenuto principale
|

Il Governo stanzia 900 milioni per Banca Popolare di Bari. Di Maio " Nessuna pietà per i manager e gli amici degli amici"

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Comunicato Stampa del Consiglio dei Ministri.

 

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro dell’economia e delle finanze Roberto Gualtieri, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il sostegno al sistema creditizio del Mezzogiorno e per la realizzazione di una banca di investimento.

Il decreto dispone il potenziamento delle capacità patrimoniali e finanziarie della Banca del Mezzogiorno-Mediocredito Centrale (MCC) fino a un massimo di 900 milioni di euro, per consentire alla stessa di operare quale banca di investimento che possa accompagnare la crescita e la competitività delle imprese italiane.

Nell’ambito e in linea con la suddetta missione, in base al decreto verrà disposto un  aumento di capitale che consentirà a MCC, insieme con il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi (FITD) e ad eventuali altri investitori, di partecipare al rilancio della Banca Popolare di Bari (BPB), confermando così la determinazione del Governo nel tutelare i risparmiatori, le famiglie, e le imprese supportate dalla BPB.

Quest’ultima è stata sottoposta venerdì 13 dicembre alla procedura di Amministrazione Straordinaria da parte della Banca d’Italia. Tale decisione agevolerà il raggiungimento degli obiettivi di rafforzamento della BPB.

Gli amministratori straordinari della BPB stanno proseguendo le negoziazioni già avviate con il MCC e il FITD per la stipula di un “Accordo Quadro”, contenente tra l’altro le linee strategiche del piano industriale per il rilancio della banca, il recupero del suo equilibrio economico e patrimoniale, e l’assunzione da parte della stessa di un ruolo centrale nel finanziamento dell’economia del Mezzogiorno. 


La Repubblica.

La sintesi è del Ministro Di Maio
"Questo decreto salva i risparmiatori, ma nessuna pietà per i manager e gli amici degli amici", dice Di Maio. 
Nel decreto è prevista la creazione di una Banca di investimento, decreto che ha visto cambiare il titolo durante il cdm con l'inserimento del riferimento al Sud. "Misure urgenti per il sostegno al sistema creditizio del mezzogiorno e per la realizzazione di una banca di investimento", questo il titolo mentre la relazione tecnica allegata al documento sottolinea la "dimensione eccessivamente contenuta" degli istituti del Meridione, e sottolinea che le norme previste possono "contribuire a ridurre il divario di sviluppo economico tra il Mezzogiorno e le regioni del Centro-Nord". Nel documento, anche l'azione di responsabilità nei confronti dei passati vertici della Popolare di Bari. Ed eventualmente ci sarà l'impegno, da parte dell'esecutivo, su eventuali prepensionamenti, qualora nel piano industriale questi si rendessero necessari. Positivo il giudizio del ministro dell'Economia Roberto Gualtieri: "Il governo è al fianco dei risparmiatori e dei dipendenti della banca e delle imprese da questa sostenute ed è impegnato per il suo rilancio a beneficio dell'economia del Mezzogiorno".

 

Commenta

Commenti

Provvedimento logico ed unico possibile, auguriamoci che i responsabili di tanto disastro siano messi alla sbarra .

Ma è normale che in una banca ci fossero al vertice un padre e i suoi due figli? Questo fatto lo sapeva la banca d'Italia o gli ispettori della banca d'italia lo hanno scoperto solo a dicembre 2019?

Come da me sperato ieri nel mio commento,finalmente 3000 famiglie 70.000 azionisti,tratti in inganno a suo tempo dai vertici di Banca Proposte di Bari,caro. Trisetto.....correntisti e detentori di Bond scadenti nel 2021,verranno salvati o salvate.
Adesso però,che partano subito le inchieste giudiziarie e che siano serie,veloci e puntuali su tutti i responsabili di tale dissesto, con le PATRIE GALERE e dietro le sbarre, e non ai DOMICILIARI,dei responsabili compresi gli
intoccabili di BANCA ITALIA.

E poi non paga mai nessuno: vedi vicenda Tercas

Gentile Tarlo,
Lei crede davvero che la storia di Tercas tra il 2010 e il 2013 sia stata scritta?
Faccia lo sforzo di rileggerla attraverso oltre un milione di pagine del processo in corso a Roma e non ancora concluso.
A volte cappuccetto rosso si trasforma in lupo.
E......non finisce qui.

Ma quando Giovannozzi fece in tv una domanda sul faraone egiziano che voleva sapere?
C'entra pure quello in questa storia?