Salta al contenuto principale

Asl Teramo. Visita dermatologica per controllo neo con epiluminescenza Cod. O3 al 26/04/2022. Auguri.

di Giancarlo Falconi
1 minuto

"La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana."
 

Nel periodo più buio per la preoccupazione del Lockdown e del Covid 19, le liste d'attesa dell asl di Teramo sono ancora praticamente al palo.
Non si morirà di Covid 19, con il Covid 19, per il Covid 19 ma per mancata prevenzione?



Visita dermatologica con epiluminescenza Cod. O3 per controllo di un neo come richiesto dallo stesso dermatologo. Prenotata ieri per il 26/4/2022...

Che dire? Buon Ferragosto....
 

Commenta

Commenti

Spero che il.nuovo.D.G. dott.Di Giosia ne venga a conoscenza e prenda le decisioni del caso.
Grazie
Carlo

Qualcuno parla di date ornai futuristiche 2023 una volta si guardava con ammirazione agli anni 2000 il futuro....ora si rimpiange il passato

E le mie 4 visite prenotate nel 2019...marzo 2020 eco transvaginale....aprile 2020 oct oculista....luglio 2020 ecotiroide...? tutte saltate e ancora nessuno mi richama!!! W l Asl W Teramo W l Italia

Se non hai i soldi puoi morire.
Visita alla tiroide prenotata sette mesi prima per aprile 2020. Rinviata a novembre.
Te ti murì.

Che dire? Io, cardiopatico, operatore di cinque bypass aortocoronarici nel 2017, DOVREI fare una visita di controllo con relativo elettrocardiogramma e ecodoppler cardiaco ogni sei mesi. La prima volta ne la cavo bene perchè il cardiochirurgo chiama il suo collega cardiologo e prende un appuntamento per la prima visita. Il cardiologo, un favoloso medico veramente coscienzioso e professionale, mi visita a fondo, mi tranqillizza dicendo che tutto è a posto e mi fa la prescrizione per la prossima visita "tra sei mesi". Vado dal medico curante che, letta la risposta della vista mi fa l'impegnativa con relativo codice di esenzione e
ad ogni buon conto ci scrive anche "Controllo semestrale in pregresso pluri BPAC come da richiesta cardiologo" Vado fiducioso al Cup di Teramo e, dopo una bella filetta di circa un'ora (va beh...ci può stare...sono pensionato) mi arriva la sorpresa. La visita la posso fare......tra nove mesi esatti da quel giorno...ma..."se la vuole fare in intramoenia in ospedale (a pagamento per chi non lo sapesse) la può fare anche tra una settimana".
Chiaramente ho fatto richiesta alla ASL tramite Mail di essere agevolato tramite una legge di cui ora non ricordo il numero, ma non ho ottenuto alcuna risposta in merito. In pratica, ogni sei mesi, mi reco in un ambulatorio privato previo appuntamento e, nel giorno stabilito, all'ora precisa, vengo chiamato, faccio tutto quello che devo fare e alla fine, dopo aver ringraziato il medico che mi ha sopportato per una buona mezzora, pago la visita e tutto il resto. Sapete una cosa? Con cento euro fatturati mi ci torna anche il resto. Ma possibile che i cardiopatici conclamati non abbiano un corridoio preferenziale nelle prenotazioni? La prossima volta che vado a fare la visita a pagamento la fattura la mando alla ASL accompagnata dalla lettera di un avvocato e richiedo quanto speso, più le spese di viaggio e la prebenda dell'avvocato. Purtroppo questa è la sanità teramana, da anni, e non è mai stato fatto nulla al riguardo.

SENZA SANTI IN PARADISO
C'è chi c'ha, c'è chi c'ha, ma c'è pure chi non c'ha .....un Santo, un mezzo Santo, un Cherubino, un Serafino che gli farà bypassare la odiosa LISTA di ATTESA!
Gli ALTRI, quelli sprovvisti di "celesti protettori" potranno richiedere un provvedimento d'urgenza al Re Salomone!
Com'è triste Venezia
Aznavour

Anche prima del covi per un controllo dermatologico con epiluminescenza occorrevano almeno 18 mesi....ma a pagamento tutto cambia....

Non ti regala niente nessuno,neanche se ti vedono moribondo in mezzo alla strada, non si fermano. Siamo in italia uagliuu'a da' suffri'