Salta al contenuto principale

Ruzzo: Chi vuole licenziare gli interinali? Nulla di personale da parte del sindaco D'Alberto...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Ha ragione il sindaco di Teramo, Gianguido D'Alberto.
Sul Ruzzo ha ragione il sindaco di Teramo, Gianguido D'Alberto.
Nulla di personale.
Infatti, L'Ersi, di cui il Primo Cittadino aprutino ha avuto la possibilità di visionare la relazione senza comprenderla a fondo, prima della Ruzzo Reti, ha sancito che la situazione finanziaria dell’ente nella sua criticità non è da addebitare alla attuale gestione ma a quelle precedenti.
Piccolo particolare.

Secondo piccolo particolare.
La Ruzzo Reti oggi è lontana dalla situazione dell’acquedotto pescarese ACA che ha dovuto ricorrere a procedure pre fallimentari e questo grazie alla attuale gestione.

Nulla di personale ma il sindaco di Teramo ha ragione quando sa ma non ammette per timidezza e dimensioni che le criticità finanziarie di cui tutti hanno parlato non sono il terzo segreto di Fatima ma evidenziate nella relazione sulla gestione allegata al bilancio.

Nulla di personale ma
 la pianta organica deliberata da ASSI nel 2016 a seguito di uno studio di carattere aziendale proposto dal Dott. Forlini che tra le altre cose  paragona la Ruzzo ad acquedotti simili per estensione del territorio  e numero di abitanti (cfr. CIP ASCOLI) prevede che lavorino a regime 284 persone.
Oggi lavorano al Ruzzo 280 persone comprese gli interinali. 

La Ruzzo deve ricorrere agli interinali in quanto l’ERSI non consente le assunzioni a tempo indeterminato.
Il sindaco di Teramo, sa.
 Il Consiglio di amministrazione ha proposto i concorsi formalmente e sono stati bocciati.
Il sindaco di Teramo, sa.

Rinunciare agli interinali significherebbe rinunciare ad una corretta gestione del servizio che potrebbe avere effetti molto pericolosi.
Rimarrebbe sguarnito tutto il presidio del Gran Sasso che ora garantisce la sicurezza della nostra acqua a oltre 400.000 persone.
Il sindaco di Teramo, sa.

Rimarrebbe sguarnito l’aspetto ambientale e tutto il sistema depurazione.
Il sindaco di Teramo, sa.

Nulla di personale.

Piccolo suggerimento al sindaco D'Alberto?

Chieda informazioni sui sistemi di sicurezza e le risorse impiegate per garantirla.

Piccola domanda al sindaco D'Alberto.
Si potrebbero ad esempio abbassare i costi di gestione se separassero le reti acque bianche e nere, come mai non ne parla e neanche lo programma?

Sulle tariffe anche l’ERSI ha spiegato che sono congrue e ben corrisposte.
Il problema riguarda le gestioni passate che per fare politica hanno tenuto l’acqua sotto costo con i risultati evidenti in termini di bilancio e con qualcuno della vecchia politica che rivendica la verginità. 

Nulla di personale e il sindaco di Teramo, sa.





 

Commenta

Commenti

Con i tanti problemi al comune (anche di personale), il sindaco che fa? . Si immischia in casa Ruzzo...il bue che dice cornuto all'asino.