Salta al contenuto principale

Asl Teramo. Chiusa rianimazione Covid. Rimane ancora chiusa Pneumologia. La Legge?

di Giancarlo Falconi
4 minuti

Esiste la legge.
Si esiste anche la legge in Italia.
Avevamo scritto.

L'assurdo che diventa incomprensibile.
Basterebbe citare l'ordinanza numero 3 a firma del presidente della regione Abruzzo, Marco Marsilio.
http://www.regione.abruzzo.it/content/emergenza-coronavirus-il-testo-dellordinanza-n3-firmata-dal-presidente-marsilio
Punto 6.
......di potenziare l’offerta di posti letto e assistenza di terapia intensiva, malattie infettive, pneumologia e di ogni altro reparto utile a fronteggiare i bisogni dei possibili pazienti critici affetti da COVID-19, attivando in urgenza, da parte delle Asl, anche in deroga ai procedimenti ordinari, posti letto aggiuntivi di Terapia Intensiva, in ampliamento o per riconversione delle degenze ordinarie;

Basterebbe leggere e potete farlo in Galleria, l'incremento dei posti letto ordinato dal Ministero della Salute che traccia la linea guida e indica in maniera ineluttabile la specializzazione della Pneumologia.

Basterebbe leggere la sintesi, c'è chi non ama studiare 7 pagine scritte anche piccole, comprendo gli apicali dell'asl di Teramo, pubblicate sul sito de La Repubblica.
https://www.repubblica.it/cronaca/2020/03/05/news/coronavirus_il_piano_per_la_sanita_-250275991/
Leggiamo:" .......Una circolare del ministro alla Salute ha disposto il potenziamento delle rianimazioni: gli attuali 5.100 letti saranno incrementati del 50%, malattie infettive e pneumologie del 100%. Un bello sforzo, se si considera che i reparti gestiti dagli infettivologi hanno circa 2.500 posti, circa un terzo dei quali in isolamento. Da ricavare, per "garantire il controllo delle infezioni, anche attraverso la rimodulazione locale delle attività ospedaliere". Le strutture private accreditate dovranno prendere in carico i pazienti non affetti da Covid-19 per ridurre la pressione sulle strutture pubbliche. Le quali dovranno bloccare gli interventi chirurgici programmati se nell'area dovesse presentarsi un caso di coronavirus di cui non si sa la fonte di trasmissione o non collegato a una zona rossa".

Che cosa avrebbe fatto l'asl di Teramo nell'ospedale Mazzini?
Ha chiuso il reparto di Pneumologia che potrebbe anche essere usato per assurdo come filtro tra sporco e pulito Covid e trasferito i pazienti a Medicina o Infettivi.
C' è altro da commentare?
No, i risultati si vedono e sono sotto l'occhio di tutti, in fondo il reparto di Pneumologia, in attesa di concorso da primario è sacrificabile.
Le linee guida?
Si sono storte...".


Oggi?
3 Giugno 2020.

L'asl di Teramo annuncia nella giornata di ieri" Negativo per due volte consecutive al tampone per il Coronavirus l’ultimo paziente ricoverato al
“Mazzini” di Teramo presso la Rianimazione appositamente allestita per i malati di Covid-19 che,
finalmente, può chiudere i battenti.
Il paziente, ricoverato dal 24 marzo scorso, oggi pomeriggio verrà trasferito in Rianimazione
Generale.
“Si tratta di una persona che ha ovviamente ancora bisogno di cure riabilitative ma che ormai
ha sconfitto il virus” dichiara il Dr. Stefano Minora, Direttore del Dipartimento di Emergenza
Urgenza e Primario della Rianimazione teramana.
“Sono contento del lavoro che abbiamo fatto, che ha richiesto grandi sacrifici ma ci ha anche
dato grandi soddisfazioni. Gestire contemporaneamente due Unità di Terapia Intensiva, peraltro
ubicate in due diversi edifici, ha costretto il personale a turni massacranti, ma oggi le dimissioni
dell’ultimo paziente, riempiono di senso tutto il nostro lavoro. Finalmente medici e infermieri
potranno godersi qualche meritato giorno di ferie.
Spero che nessun paziente Covid positivo abbia più bisogno di cure intensive, ma ci siamo
comunque preparati allestendo ulteriori tre posti all’interno della Rianimazione Generale che, nel
caso, potranno essere utilizzati. Ringrazio ancora una volta tutti gli operatori della Rianimazione
che hanno mostrato grande passione per il proprio lavoro e un tale spirito di abnegazione senza il
quale non ce l’avremmo mai fatta.”
L’Ospedale di Teramo oggi, a distanza di tre mesi dall’inizio della pandemia, per la prima volta
non ha ricoverati pazienti positivi al Covid-19.
Restano comunque attive tutte le precauzioni già in atto per evitare nuovi possibili contagi,
mentre si torna, pian piano, alla normalità".


Oggi?
3 Giugno 2020
Il reparto di Pneumologia è ancora nel reparto di malattie infettive.
Il reparto di Pnemologia è ancora usato come filtro?
La legge?
Presto una raccolta firme e una manifestazione dei parenti dei pazienti e degli affetti da diverse malattie respiratorie sotto l'asl di Teramo. 





Per leggere le ordinanze vai a https://iduepunti.it/17-04-2020/ospedale-mazzini-italia-potenziano-i-posti-letto-pneumologia-teramo-chiudono-il-reparto

Commenta