Salta al contenuto principale

Noterelle massoniche 16: “le spire della nuova biscia camaleontica”

di Elso Simone Serpentini
2 minuti

"Un alito di corruzione passa per tutto: partiti che perdono i vecchi programmi, uomini che assumono le maschere più sconce, aggruppamenti non più di ideali, ma di interessi, misere conventicole clericali in nome di un laicato ateo e giacobino, e dovunque un senso nauseabondo di setta, di ambizioni insoddisfatte, di formidabili appetiti ognor crescenti…

Dietro tutto questo brulicare immondo, una forza agisce nelle tenebre e tutto trasforma e tutto corrompe, uomini,cose e partiti, una forza che ha la raffinata arte malvagia della chiesa di Pietro con un giudizio correttivo moderno di cinismo e di pseudo modernismo democratico… la massoneria.”


Queste parole non sono state scritte nei nostri tempi, anche se sembrano così attuali da darne l’impressione. Sono state scritte più di cento anni fa, nel 1909, su L’Avanguardia, organo giovanile socialista rivoluzionario, per mettere in guardia contro il pericolo che la massoneria infiltrasse le sue spire di “nuova biscia camaleontica” nel partito socialista, e riprese da un giornale teramano, L’Italia Centrale, nel suo numero di mercoledì e giovedì 14 e 15 ottobre 1909.

Il pericolo di infiltrazione della biscia nei partiti è così ancora attuale che nella Teramo di oggi che si prepara alle elezioni amministrative credo di dover fare una proposta. I candidati sindaci almeno (se non tutti i candidati consiglieri, che forse sarebbe troppo) dovrebbero preliminarmente firmare una dichiarazione in cui dovrebbero attestare di non avere pendenze penali, di non avere contatti con organizzazione mafiose e di non essere e di non essere stati, e di non avere intenzione di esserlo in futuro, affiliati a qualche loggia massonica o iscritti ad altre associazioni segrete.

Purtroppo sono nella condizione di dover dire che alcuni dei nominativi che si fanno al momento quali probabili o quasi certi candidati sindaci di Teramo avrebbero non poche difficoltà a sottoscrivere una dichiarazione del genere senza rischiare di poter essere poi scoperti come mendaci o spergiuri.

 

Commenta

Commenti

Io firmo. P.s. vale anche da non un non candidato?
PROF. SERPENTINI condivido il pezzo auspicando che abbia un seguito e non rimanga lettera morta............Poiché ho notato che alcuni, anzi numerosi muratori teramani la domenica vanno a messa, si battono il petto ed accedono all'eucarestia. DOMAMDA. ma la massoneria non ha sempre cospirato contro la Chiesa? Ovviamente ha cospirato in senso culturale, perché la massoneria si è sempre contrapposta frontalmente alla chiesa. Mi sembra di ricordare che la massoneria intende costruire un mondo senza dio perché lo considera inutile o addirittura nocivo. Mi sembra di ricordare che per i massoni l'uomo moderno è quello che non ha bisogno d'altro che di se stesso per esistere. La massoneria è, quindi, se non erro, una chiesa segreta in contrapposizione alla chiesa cattolica esplicita, quella chiesa al servizio della gente cristiana. In una città silente come Teramo il nostro vescovo, forse dovrebbe intervenire su questo delicato argomento. Monsignor Seccia dovrebbe, forse, ossigenare l'ambiente nel quale viviamo, spiegando e precisando che la massoneria e la chiesa cattolica non sono proprio la stessa cosa! Forse questi autoctoni muratori,ben inseriti ed attivi negli ambienti che contano ignorano le differenze o fingono di ignorarle perché vogliono, anche, essere considerati dei buon cristiani, timorati di dio quantomeno la domenica alla messa delle 12 nella chiesa cattedrale.........amen!
Una dichiarazione del genere farebbero fatica a firmarla docenti universitari, primari e qualche dirigente scolastico.
Questo articolo è il simbolo di un pregiudizio dilagante che sfocia nell'ignoranza ... Dobbiamo anche dire che i tossicodipendenti e gli omosessuali sono tutti malati di AIDS, Dobbiamo dire che i preti sono tutti pedofili Dobbiamo dire che i dipendenti pubblici sono tutti sfaticati ecc. ecc. L'unica cosa vera che si può dire e che questo ignorante pregiudizio e tipico del teramano!