Salta al contenuto principale

Macchia è ritornato ai Prati di Tivo

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Ritorna a casa Macchia. Un guaito, un abbaio, un abbraccio altri abbracci. Coda a mille. Macchia, il cane accusato da un esposto di aver morso a un noto alpinista della zona, ha terminato il suo periodo di controllo sanitario e come da ordinanza del sindaco di Pietracamela, Antonio Di Giustino, è tornato ospite del territorio di Prati di Tivo.
Una ragazza di Montorio ha scritto sul suo tema scolastico prima delle vacanze di Pasqua "Mi piacerebbe trovare come sorpresa il ritorno di macchia nel piazzale dei Prati. Ci manca e infondo è come un albero, una roccia, fa parte del nostro mondo, del nostro quotidiano, delle nostre sicurezze di Montagna".
Macchia è stato accoltodall'affetto dei residenti e foraggiato con carne e coccole.
Ora avrà maggiore controllo e più attenzioni. Siamo felici. Semplici. Gente di Montagna.

Commenta

Commenti

Siamo felici per Macchia! Grazie a tutti
Bene, sono felice della "liberazione" di macchia, ora mi chiedo, ma tutta questa mobilitazione per un cane non la trovate alquanto esagerata? non credete che ci si dovrebbe mobilitare così per altri problemi molto più seri della montagna? chiedo agli organizzatori del gruppo su facebook se è possibile far muovere dalle sedie i 1874 iscritti e fargli ripulire tutti i Prati di Tivo dalla spazzatura... ma, credo sia più facile protestare ed abbaiare dietro uno schermo, che sporcarsi le mani fattivamente... w la gente di montagna che non ha altro da pensare oltre macchia...
Al di là di inutili divagazioni auguri di bentornato a Macchia!
Sig. Giancarlo Falconi, siete stati molto bravi, lei è tutti quelli che si sono mobilitati per Macchia, anzi bravissimi, anche il sindaco di Pietracamela c'è la messa tutta per "far tornare" Macchia ai Prati, si, è stato un gioco da ragazzi, una ordinanza "evvia".......... Non capisco, però, chi sono tutti questi residenti che gioiscono, gente di montagna, non ho letto su questo blog un sol intervento di persona con un cognome riconducibile a tutto questo, questa notte ai Prati hanno dormito meno di 10 persone che posso definirsi così. Ma.., Macchia è partito per Teramo trovatello ed è tornato tale, nessuno ha voluto adottarlo, si lo hanno fatto in molti ma solo con la tastiera del compiuter. Dal filmato del "ritorno" si vede un piazzale desolatamente vuoto, riflettete......... Una cosa è certa, questi i fatti, questa è la mentalità che permettono, si, il ritorno di Macchia ai Prati ma non quello dei turisti, anzi, hanno determinato il loro definitivo abbandono. Ho scritto, più volte, che quet'anno sarà difficile dimostrare la presenza di 3000 (tremila) sciatori.......... Permettetemi, ad ESULTARE sono solo io....................... Ps. ho usato ................ per non abusare dello spazio. loreto bartolomei
Ciao, che piacere scrivere in un post dove chi mi ha preceduto negli interventi ha un nome ed un cognome e non ha timore di esprimere il proprio pensiero, la qualità del blog viene esaltata. Contentissimo per Macchia. Saluti. Bruno