Salta al contenuto principale
|

Mosciano: La violenta censura contro Antonio D'Amore

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Antonio D'Amore è un giornalista professionista e uno scrittore.
Antonio D'Amore ha pubblicato un libro, ( Nodari editore) dal titolo Il Ciccione.
Un pò, come se io scrivessi, Il Calvo.
Antonio D'Amore ha vinto un premio letterario nella città di Siena.
Un riconoscimento che dovrebbe essere un vanto per Teramo e l'Abruzzo.
Antonio D'Amore ha firmato alcune inchieste proprio sulla bella Mëscià.
Antonio D'Amore ha coperto di ridicolo e forse altro, un'intera comunità di politicanti e colletti unti di bianco. 
Antonio D'Amore non potrà presentare il suo libro nella manifestazione culturale di Mosciano perchè persona poco gradita.
Cristina Cianella, consigliera comunale di Mosciano Nostra scrive " IL POSSIBILE MOTIVO: alcune inchieste giornalistiche portate avanti dallo stesso nei confronti del Comune di Mosciano SA; ad esempio il servizio sul ponte del Cavalcavia.Di certo il Direttore D’Amore non ha bisogno di una difesa d’ufficio, peraltro da parte di un Consigliere comunale di Minoranza.
Di certo la Proloco Musiano non ha bisogno di una difesa d’ufficio, peraltro da parte di un Consigliere comunale di Minoranza.DI CERTO, però, LA CULTURA HA BISOGNO DI ESSERE DIFESA, IN OGNI MODO, anche per quanto di sua competenza, da un Consigliere comunale di Minoranza.Sì, la cultura, la vera “persona offesa” (mutuando il gergo dei tribunali) di tutta questa storia, dai contorni reazionari.Un vero e proprio EDITTO BULGARO, emanato da parte di un’amministrazione che, sulla carta, dovrebbe essere espressione del centro-sinistra e, di conseguenza, della massima diffusione, in ogni sua forma, della cultura in senso lato.
Ma a Mosciano così non è".

Visto come il comune di Mosciano ha gestito l'affare Cirsu non ci meravigliamo dell'inesistente sensibilità culturale e democratica.
L'eleganza veste l'anima in ogni suo movimento.
Acquisteremo una copia del libro di Antonio D'Amore per farne gentile omaggio al sindaco della meravigliosa città medievale che vide gli Acquaviva.
I libri non si buttano.
Si prestano.
Si sciupano.
Si vivono. 
Si respirano.
Si ascoltano.
Si discutono.
Si sognano.
Si scrivono.
Si soffrono. 

A Mosciano?
Leggere rende liberi,
Sulla libertà abbiamo dei dubbi, sulla capacità di lettura, purtroppo, nessuna. 


 

Commenta

Commenti

falconi che parla della "gestione del CIRSU" mi fa venire il vomito! Dove stava quando nella scorsa consigliatura i consiglieri di minoranza si facevano massacrare dall'Amministrazione Comunale a guida PD? Dove stava falconi quando il giudice Cirillo condannava la consigliera Emila Di Matteo per aver tentato di aprire un ragionamento su quello che stava succedendo a CIRSU e a SOGESA? Dove stava falconi quando i dirigenti di CIRSU e SOGESA organizzavano feste e festini per eleggere la "più bella del reame? Dove stava falconi quando i comuni del Consorzio riducevano il capitale sociale e di fatto condannavano CIRSU al fallimento? Dove cazzo è stato falconi negli ultimi 30 anni?

Perchè la cultura è di centro sinistra ? Quella in senso lato ?
Ma per piacere.....ancora con questa bufala!

Anche a Mosciano la maggioranza è del PD vero?

Caro lancione, le rispondo facendole fare la figura che merita.
Io scrivevo, lei non leggeva.
https://iduepunti.it/cronaca/28_settembre_2012/gabriele-di-pietro-da-sogesa-di-zio

https://iduepunti.it/il-caff%C3%A8/17_aprile_2012/miss-sogesa

per il resto legga e s'informi.
Lo so è difficile perchè poi bisognerebbe comprendere il testo e altro.