Salta al contenuto principale
|

Indagati i vertici della Banca Popolare di Bari anche per l'acquisizione Tercas

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Scrive Mara Chiarelli sul quotidiano La Repubblica " 

Regge  da sola un pezzo importante dell'economia della città di Bari e della Puglia. Ha garantito prestiti a migliaia fra imprese e famiglie, può contare su 70mila soci e sul lavoro di 3.500 dipendenti. La Banca Popolare di Bari non può crollare: se ciò accadesse, i danni per l'economia regionale sarebbero incalcolabili. Ma una nuova inchiesta della Procura barese racconta anni di gestione irregolare, bilanci in perdita, prestiti anomali, aggravati dall'acquisizione di Tercas, la vecchia Cassa di Teramo. E sullo sfondo, una vicenda di maltrattamenti ed estorsione ai danni di un funzionario troppo solerte. È questo il ritratto della Banca popolare di Bari, come emerge appunto dalla nuova indagine affidata ai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria e che è già arrivata a un primo step: i vertici del più grande istituto di credito del Sud sono finiti per la prima volta nel registro degli indagati e con accuse pesanti. Il presidente Marco Jacobini, l'allora direttore generale Vincenzo De Bustis, già amministratore delegato di Monte dei Paschi di Siena e Deutsche Bank, i due figli di Jacobini, Gianluca e Luigi (rispettivamente condirettore generale e vice), il responsabile della linea contabilità e bilancio della popolare Elia Circelli, il dirigente dell'ufficio rischi Antonio Zullo".

Le nostre domande sono sempre le stesse " Il ruolo di Banca d'Italia nel commissariamento della Tercas?
La Tercas si poteva salvare?
Quali sono e chi sono i poteri forti che ne hanno decretato la fine di una delle più solide casse di risparmio italiane?
 

Commenta

Commenti

Falconi, non si preoccupi, a Teramo i leccaculi sono prontissimi a cambiare culo. Sono allenati.

Ma la Banca d'Italia dov'era mentre la Trinità (padre, figlio e figlio 2) gestiva la banca?
Solo alla banca del Burundi 🇧🇮 si può consentire di fare gestire una banca da una famiglia.
È la banca d'Italia che dice adesso?

siamo alle indagini aperte sulla base delle dichiarazioni di un dipendente licenziato. Aspettiamo almeno qualche giorno. Q

che farà il Governatore della Banca D'Italia?
Niente perché eviterà di leggere la rassegna stampa.

Valerio, timore reverenziale anche qui.
Spiegati.

Ma le ispezioni della Banca d'Italia a che servono?
Che li pagano a fare gli ispettori?
A Bari l'ispezione la deve fare la BCE come ha fatto a Vicenza, così poi si capirà bene come stanno le cose.
A questi hanno regalato la Tercas, è assurdo.

A questi hanno regalato la Tercas?
REGALATO

Sono cliente della Tercas (ex) da oltre 40 anni... Ora è veramente arrivato il momento di togliere i miei sudati e pochi risparmi da questa banca che di Teramo non ha più neanche il nome...

Le famiglie in Italia gestiscono tutto, signor tutti a casa. La nostra imprenditoria, dallo prima rivoluzione industriale, è di tipo familiare. Le banche sono imprese, no?
E, allora? Le più grandi aziende del mondo sono gestite da famiglie. Il problema non è questo. E, infine, noi siamo come il Burundi. Legga il ranking su giustizia, corruzione e malgoverno. Il Burundi viene proprio poco dopo di noi. E non è questione di politica malata, imprenditoria malata, istituzioni malate. In Italia, nessuna istituzione o organismo può dirsi fuori da tale condizione. Nessuna. Siamo il frutto meticcio di storie, culture, dominazioni alquanto eterogenee. A tal riguardo, per avere un quadro preciso sul popolo italico, legga il modo con il quale i giornali USA o Svizzeri dipingevano gli italiani migranti. Scoprirà che il Burundi non è poi cosi lontano. L'assimilarci ai cani, nel divieto di accesso ai locali pubblici, non è né una bufala, ne' un complimento.

Quando si dice: nascondersi dietro un dito.......
È stato recentemente firmato un accordo farlocco e noto tra la BPB ed alcune sigle sindacali, a salvaguardia di 500 posti di lavoro, in recupero di 30 milioni di euro. La BPB ha acclarato la necessaria riduzione di costi per sanare un deficit di bilancio.
Ma facciamoci due conti:
risultato al 30/6/17: - 2,5 milioni cn svalutazione di 23 milioni del fondo Atlante (40 milioni di apporto complessivo da BPB);
c'era, altrimenti, un utile di 20,5 milioni;
se solo ipotizziamo la conferma del risultato da gestione caratteristica per il presente trimestre e pur ipotizzando (il peggio) l'ulteriore svalutazione del citato fondo (residui 17 milioni), al 31.12.17 dovrebbe risultare un utile di 6 milio ni.
E spontanea la domanda: a cosa servono gli ulteriori 30 milioni recuperati sulla pelle dei dipendenti della Banca? Si, perché sono stati scongiurati i licenziamenti ma è stato azzerato il contributo al fondo pensionistico dei dipendenti da parte della Banca.
E vogliamo parlare di VAP?
Non dovrebbe essere corrisposto sulla scorta di risultati da sola gestione caratteristica?
La situazione attuale è stata innescata dall'acquisizione di Tercas e Caripe?
A spanne:
BPB ha 200 filiali;
Tercas e Caripe ne contano meno di 200.
Ma non leggo considerazioni sul numero dei dipendenti apportati dalle tre banche in quella attuale: Tercas e caripe non più di 1000 sui 3200 attuali. Fatevi un poco di conticini!!!!!!
Auguri.

buonasera a tutti......parlate di controlli della banca di Italia. La banca di Italia è privata e vedete bene chi sono i soci. Le stesse banche che vengono controllate.......siamo in Italia ....................

Aspetto ancora dopo tutte le varìe svalutazioni il mio piccolo gruzzolo della vendita delle azioni n305 ďa un anno e mezzo compreso il ŕicorso all A.B.F.sènza comcludere ùn bel niente.

È possibile leggere il verbale dell'ultima ispezi della Banca d'Italia?
Anche senza i nomi ma è utile per decidere consapevolmente dove lasciare i risparmi.
Lo chieda ufficialmente Lei Falconi.

Qui si mette male.
Dove li deposito i miei risparmi?

tutto si basa sull'accusa dell'ex funzionario della bpb licenziato, per giusta causa, e niente è ancora stato detto in riferimento alle indagini in corso. Di seguito il resto della storia https://www.telebari.it/attualita/7185-inchiesta-banca-popolare-di-bari…