Salta al contenuto principale
|

Teresa Ginoble si candida in Regione accanto a Dino Pepe...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

La strana coppia con la vera Ginoble di famiglia che prova la rincorsa verso la poltrona da consigliera regionale.
Nepotismo?
Familismo amorale?
Ci risulta vero anche il contrario.
Tommaso Ginoble deve molto della sua carriera politica a Teresa Ginoble.
Chi conosce un pò la storia politica di Roseto, si ricorda di una ragazza e di un supermercato, dove il Tommy parlamentare non avrebbe mai messo piede.
Si ricorda della prima campagna elettorale con una risoluta sorella che chiedeva i voti nella campagna dell'entroterra della cittadina adriatica.
Qualcuno ci dovrà spiegare perchè tutte queste critiche e poi, nel segreto delle urna i voti dei rosetani per osmosi empatica segnano sempre la croce verso l'assicuratore di mare. 
Il nuovo? Il vecchio? Le mosse sulla scacchiera di Tommaso Ginoble continuano con l'assessore Vannucci (figlio)e l'accoppiata con l'assessore regionale uscente, Dino Pepe.
Nepotismo?
Familismo amorale?
No, voti. 
Nessun volto nuovo tra i giovani politici della Città delle Rose?
Silenzio assoluto. 
Poi, un nome clamoroso a Teramo con un PD che ha bisogno di un teramano da candidare....
Ma questa è un'altra storia. 

Commenta

Commenti

A hahah mi viene da ridere e chi la vota?

La prossima sarà la figlia o il figlio. Poi i nopoti ed i nopoti dei nipoti. Ha ragione Fancy....E chi la vota.