Salta al contenuto principale

Covid 19. Finalmente a Teramo gli anticorpi monoclonali. L'Adi vaccina a casa le persone allettate e Giovedì i primi ricoveri al Covid Center...

di Giancarlo Falconi
3 minuti

La sintesi sanitaria.
Tre buone notizie.
Giovedì 1 Aprile e non è uno scherzo, inizieranno i primi ricoveri al Covid Center di Teramo per le terapie subintensive.
La d.ssa Manuela Di Virgilio ci spiega gli anticorpi monoclonali ( proteine (immunoglobuline) prodotte da cellule del sistema immunitario che reagiscono con le sostanze (gli antigeni) che hanno stimolato il sistema immune. Nel caso di agenti infettivi sono in grado di distruggerli o di inattivarli.) che verranno utilizzati a TEramo rispettando una specifica graduatoria.
L'Adi ( Tommaso Ceci)  raggiungerà gli allettati direttamente a casa attraverso la vasta esperienza territoriale tra le prime in ITalia mentre i dializzati saranno vaccinati nei reparti a loro destinati. 
https://www.youtube.com/watch?v=4JHQo0FGnco

Comunicato Stampa. ASL Teramo

Prosegue la campagna vaccinazioni in provincia di Teramo. Ad oggi sono state somministrate 35.187 prime dosi e 19.065 seconde: sono in totale il 26% di quelle di tutto l’Abruzzo. E mentre è stata conclusa la prima fase della campagna per il mondo della scuola _ per cui la Asl di Teramo è prima in Italia _  è in via di conclusione la vaccinazione degli over80, al netto di chi si è iscritto in un secondo momento. La vaccinazione a domicilio degli over80 allettati e dei loro cargiver _ è iniziata mercoledì scorso e la Asl di Teramo è fra le prime in Italia _   ha visto finora somministrate 300 dosi circa. Secondo le stime della Asl si prevede che sarà terminata entro una trentina di giorni. E mentre prosegue la vaccinazione dei disabili, venerdì 2 aprile proprio in concomitanza con la Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo, saranno vaccinati i soggetti autistici, in strutture protette.

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta le squadre vaccinali riposeranno: prederanno il loro posto la direzione strategica aziendale, i componenti delle direzioni sanitarie (con personale medico e amministrativo) e altri dirigenti che, ognuno per le proprie competenze, vaccineranno i dializzati. Lo step successivo è l’inizio della parte della campagna che riguarda i fragili e la categoria 75-79 anni. A questo riguardo sarà determinante la riunione di stasera con i medici di medicina  generale per concordare le modalità operative.

Inoltre la Asl ha istituito la centrale operativa vaccinazioni (Cov) che ha il compito di coordinare tutte le operazioni e che è formata da un pool di sanitari, amministrativi e informatici. Il Cov ha anche personale dedicato per dare risposte, per quanto di competenza, ai cittadini (mail: vaccinazionecovid@aslteramo.it).

Sul fronte dell’attività ospedaliera il numero di ricoveri di pazienti positivi risulta più o meno stabile e l’età media si conferma più bassa delle prime fasi (30-50 anni) tanto che stanotte è stata ricoverata una  donna di 37 anni. Migliora, intanto, la giovane madre di 28 anni che, appena partorito, è stata ricoverata prima in Malattie infettive e poi in Rianimazione Covid: è stata estubata e le sue condizioni sono in netto miglioramento.

Alla conferenza stampa di oggi hanno partecipato il direttore generale Maurizio Di Giosia, quelli amministrativo e sanitario, Franco Santarelli e Maurizio Brucchi, Manuela Di Virgilio della direzione sanitaria del Mazzini e Tommaso Ceci, responsabile dell’Assistenza domiciliare integrata.

Commenta

Commenti

Avendo una mamma 89 anni con Parkinson e Alzheimer allettata e una zia 96 anni allettata dopo averla prenotata sulla piattaforma regionale, sono state chiamate per il vaccino e di recarsi presso il palazzetto di San Nicolò per effettuare la 1° dose del vaccino, spiegata la situazione all'interlecutore telefonico che per portare le 2 pz avrei avuto bisogno di n° 02 ambulanze!!!!!. Risposta: a breve verranno vaccinate a casa. A tutto oggi (quasi un mese )ancora nessuna notizia dai preposti. Tutte belle parole dettate al vento come si sentono dai vari social. Come mai sono state vaccinate persone meno fragili e meno giovani?
A voi la risposta e deduzioni!!!
Siamo in ITALIA, EVVIVA L'ITALIA.