Salta al contenuto principale

Pescara: Ecco perchè hanno picchiato il ragazzo omosessuale...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Hanno fatto bene a Pescara a picchiare quel ragazzo.
In fondo era gay.
Gay, avete capito?
Un gaio e quelle altre battute che abbiamo sentito a casa, tra i parenti, tra i cuginetti, tra gli anziani.
Non sempre ma arrivavano raccontate da più di qualcuno, alcuni. 
E poi, " Io ho tanti amici gay", " Io non sono omofobico. Basta che mi stanno lontano".
Hanno fatto bene quei coraggiosi ragazzi di Pescara, in fondo erano solo sette contro uno, se fossero stati 8, allora si, ma in sette contro uno,  erano alla pari.
Sette eterosessuali, sei uomini e una donna.
Hanno fatto bene e in fondo, il Gay, doveva essere di costituzione fragile se pugni e calci gli hanno provocato la rottura della mandibola.
Un eterosessuale si sarebbe alzato e avrebbe sorriso.
Hanno fatto bene quei sei grandi uomini e quella grande donna, perchè dietro sei grandi uomini c'è sempre una grande donna, a inveire verbalmente contro il Gay che aveva una grande e immensa colpa.
Gigantesca.
Stratosferica.
Amava e l'amore non si perdona a nessuno.
Perchè per amare non ci vuole un Gay, un eterosessuale, un transessuale, per amare ci vuole coraggio, altruismo, devozione, attenzione, ascolto, cultura dei sentimenti, empatia, cura.
Vita.
A come Amore, il resto non è umanità. 
Ecco perchè quei sette hanno picchiato il ragazzo Gay, erano gelosi della sua capacità di amare.
Avevano paura di guardarsi allo specchio dell'ignoranza. 
Poveretti. 
Delinquenti senza altre giustificazioni sociologiche. 
 

Commenta

Commenti

2020... Non si può sentire..

Quando riappare la pochezza, l'ignoranza, l'arroganza e la cattiveria gratuita (figlia della paura), io ho timore. Ho timore che la società che ha generato questo branco di merde si stia avviando verso un inesorabile declino.
Spero e mi auguro vivamente che la società civile, il mondo della cultura e le istituzioni rispondano a questa offesa alla libertà, rispondano a questo tentativo di limitare la libertà di poter vivere.

Tutta la mia vicinanza e un augurio di rapida guarigione nelle ferite del corpo a questo grande uomo sopraffatto dal branco......

Ecco contro questi 7 COGLIONI vorrei sentire lo stesso sdegno e disprezzo che rivolgiamo contro i Rom oppure gli extracomuinitari quando si rendono colpevoli di qualcosa.