Salta al contenuto principale

Testa e radice: Vincenzo DI Nicola è orgoglio teramano...

di Giancarlo Falconi
4 minuti

La prima volta che incrociammo Vincenzo Di Nicola era il 2013.
Tre anni dalla nascita de I Due Punti e dopo aver scritto di tanti altri talenti teramani.
Teste e radici.

Scrivevamo.

 

Vincenzo di Nicola è di Teramo.
Vincenzo Di Nicola è di Sant'Atto.
Vincenzo Di Nicola ha 34 anni e ha raccontato la sua storia a Riccardo Luna, giornalista de La Repubblica. www.repubblica.it/rubriche/startup-stories/2013/12/16/news/sogno_americano_vincenzo_di_nicola_amazon-73709099/

Si legge " Qualche giorno fa Vincenzo Di Nicola, 34 anni, ingegnere informatico, abruzzese, ha venduto la sua startup ad Amazon, ovvero a Jeff Bezos, 49 anni, il 19esimo miliardario del pianeta ma soprattutto il più grande venditore di tutti tempi".
Poi ancora " GoPago, la startup di pagamenti mobile che Vincenzo Di Nicola racconta di aver inventato perché una volta, nel 2009, era allo stadio, l'AT&T Park a New York, per un incontro dei San Francisco Giants, e il suo amico si è perso il record di homerun segnati nella storia del baseball americano (firmato nientemeno che dal grande Barry Ponds) perché si era alzato a prendere una birra e ci aveva messo troppo a pagare... Solo che l'amico, come Vincenzo, è una specie di genio dell'informatica: si chiama Leo Rocco, è nato in America da genitori siciliani ed ha un curriculum con nomi pesanti come Boeing, Ferrari, Nasa e Ibm. E visto che quel giorno i due si erano resi conti che mancava una app per prenotare un bene o un servizio, pagarlo con un clic e ritirarlo senza fare la fila, hanno deciso di svilupp
arla".

Lo sapete cosa mi ha emozionato di questa storia?
L'essere abruzzese. La nostalgia. Il senso della riconoscenza.
Quel premio che Di Nicola finanzia ogni anno nel suo liceo scientifico Einstein di Teramo.
L'umiltà. Il silenzio che fa da stonatura ai quotidani tromboni che imitano il curriculum dell'inesistente.
Un uomo che si trova avanti nel suo cammino ma che non ha paura di voltarsi...
Il sorriso naturale e senza ghirigori. Il genio in fondo è semplicità.
Ecco, appunto.

Ciao Compà...fiero dei tuoi natali.


Come è arrivato Vincenzo Di Nicola all'Inps?
Scusate a diventare Responsabile per l'Innovazione tecnologica dell'Inps?
Dopo un suo, il solito,  rivoluzionario post.
https://vincenzo.me/impeto-e-tempesta-it-invito-al-governo-per-un-risorgimento-post-inps/?
fbclid=IwAR3gKbPKUXRr6MAVjW4ygDKCroLbVv7f5mcPgAj3W9W5O4XHf6QLUHRz-_k

 

Tutto ripreso da La Repubblica https://www.repubblica.it/dossier/stazione-futuro-riccardo-luna/2021/01/26/news/un_hacker_a_capo_dell_inps_era_ora_-284214489/?fbclid=IwAR2GAYwFodJg_5bXgEj608gNdgCN0KoTezAGLjPzLOmg26vGDp7S0FCPYV4
e condiviso da noi che siamo cresciuti a pane e Vic-20.
Vi ricordate? Ora che il registratore caricava un gioco avevamo terminato la partita di calcetto tra le colonne teramane.

Perchè torno a scrivere di Vincenzo Di Nicola dopo quasi un decennio?
Non per descrivere le sue visioni che ci riempiono di orgoglio, ( leggete, vi  prego https://vincenzo.me/2020-lanno-della-scalata-tecnologica-italiana/) ma per una sua foto, tutta teramana con dedica compresa nell'omaggio.


 

"Sia benedetto il #commercio locale, specialmente poi quello storico.

Avevo un problema col mio computer da bambino, un #Amiga 2000 del 1988. Ormai non piu’ banale da aggiustare, e col rischio di romperlo per sempre.

Ho chiesto aiuto a

Elettronica Te.Ra.Mo. Sas

, rifugio peccatori di tanti ragazzini di fine anni ‘80 / anni ‘90 per comprare videogiochi.

Il proprietario, un grande. Ancora oggi e’ li’, in centro a Teramo, sempre di aiuto. E anche stavolta mi ha risolto il problema.

Ormai ci si e’ abituati a comprare online, e avere tutto e subito. E’ vero, e’ conveniente. Ma accidenti quanto e’ ancora meglio il rapporto col commerciante, l’amore che ci mette nelle cose e i consigli che ti sa dare. Non c’e’ Amazon che tenga per queste cose.

Un pensiero poi. A #Teramo, la mia citta’, ho visto davvero tanta desolazione: negozi chiusi, e temo che alcuni mai riapriranno. E’ durissimo, ai limiti del masochismo, per un commerciante lavorare e dare lavoro oggi.

Ed e’ per questo che ammiro tutti quelli che resistono, e portano avanti il loro negozio tra tante pene ma sempre prendendosi cura del cliente.

E’ vero tessuto vitale di una citta’"....

Grazie di cuore.
Testa e radice.


 

Commenta

Commenti

Intelligente e determinato, deciso a realizzare i suoi progetti.
Così lo ricorda con affetto la sua insegnante di Italiano e Latino

L'umiltà. Il silenzio che fa da stonatura ai quotidani tromboni che imitano il curriculum dell'inesistente.
Un uomo che si trova avanti nel suo cammino ma che non ha paura di voltarsi...
Il sorriso naturale e senza ghirigori. Il genio in fondo è semplicità.
Ecco, appunto.

Grande Giancarlo!
...quanta pochezza riecheggia nelle strade tronfie dell’io del nulla