Salta al contenuto principale
|

Sondaggi e guerre delle vele...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

I sondaggi elettorali fanno ridere.
Nessuno può interpretare un territorio complesso come l'Abruzzo tra storia, geografia e geopolitica sociale.
Nessuno conosce i legami di famiglia, compari, clientela, le trame, le vendette amicali e il familismo amorale.
Nessuna statistica può interpretare il candidato che va in giro con dei fac simile di contratti di lavoro; quello che ha sputato sul piatto dove ha mangiato e ora si ritrova solo con  il suo gruppetto di scuola; quello che non ha seguito alcun consiglio; quello che si vince grazie alla sua strategia e si perde per colpa degli altri stregoni; quello che si crede già eletto e nel letto delle urna viene tradito prima del voto; quello che da destra passa a sinistra; quello che da sinistra era passato a destra e poi a sinistra, ubriacando l'elettorato; quello che non andrà a votare perchè farà freddo e nevicherà e poi il reddito di cittadinanza; quello che doveva portare il suo capo alle politiche e invece si è lasciato innamorare da se stesso; quello che ha seguito i consigli sbagliati; quello che si è lasciato adulare senza l'anulare della verità; quello che solo l'ennesima sconfitta porterà consiglio, forse. 

La verità?
Nell'ultimo sondaggio di Forza Italia Marsilio è primo a 4 punti dai Cinque Stelle e una bella distanza da Legnini.

Nel frattempo tutto potrà accadere mentre tra vele e manifesti la gara è all'ultimo  faccione e lungo Viale Mazzini il buon Pietro Quaresimale è stato ombrato da Anna Marcozzi.
Un sorriso e quel vento in poppa che si chiama ironia. 

Foto uroman

 

Commenta

Commenti

Quell'effetto consolatorio del sondaggio che in fondo dispensa una buona parola a tutti!
Forse per questo sono sbocciati quei professionisti, più o meno laureati, che si sono arricchiti con la politica, anche se le
Loro ricerche-previsioni non si discostano molto,per attendibilità, dagli OROSCOPI che i cultori di astrologia fanno interrogando le STELLE!
D'altronde metà degli Italiani ci crede!
Com'è triste Venezia
Aznavour