Salta al contenuto principale
|

Il sindaco D'Alberto critica il presidente Marsilio sulla legge regionale del "Buon Senso"...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

L'annuncio è stato dato dal presidente Marsilio.
"ll Governo ha impugnato la legge di buon senso approvata dal Consiglio regionale dell’Abruzzo perché ha ritenuto discriminatorio chiedere ai cittadini stranieri di certificare la loro condizione di reddito e patrimonio prima di assegnargli una casa popolare. Il governo giallo rosso vuole continuare a difendere il principio contrario: gli italiani devono certificare e dimostrare carte alla mano la loro condizione e sono sottoposti ai controlli di rito, mentre per gli stranieri bisogna fidarsi delle loro dichiarazioni e della loro auto certificazione di essere poveri e di non avere proprietà in patria. Difenderemo questa legge di fronte alla Corte Costituzionale e con il sostegno dei tanti cittadini perbene che ci hanno chiesto regole nuove e più severe per ripristinare la legalità e il diritto nelle case popolari". 

Il parametro è sempre Costituzionale.
Il sindaco D'Alberto, spiega le motivazioni dell'impugnativa.
https://www.youtube.com/watch?v=n_TGH8HdYFo


 

Commenta

Commenti

E questa la chiamate legge del Buon Senso. Che vi siete mangiati a Natale, le carecchie? Se un migrante è ricco per quale motivo dovrebbe venire a raccogliere pomodori, ed ortaggi in una regione che pullula di disoccupati e di povertà in forte crescita? i misteri della destra.