Salta al contenuto principale

Teramo: I lavori di Corso San Giorgio gemellati con la Salerno Reggio Calabria...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Uno scandalo che chiama scandalo.
Cento cinquanta giorni di lavori promessi e mai iniziati.
L'arredo di Corso San Giorgio è senza arredo: le mattonelle sbeccate rimangono sbeccate: i ferri che fuoriescono, ferri che fuoriescono e le novità delle novità, sono emerse dal consiglio comunale per merito dell'interrogazione di Giovanni Cavallari, capogruppo di Bella Teramo, la ditta non ha del materiale stoccato per fare le sostituzioni e altri lavori perchè la cava cinese è chiusa.
L'assurdo.
Nulla in magazzino?
Eppure in commissione  comunale ah hoc, sulla transazione con la ditta, ci furono le rassicurazioni a tutto tondo.
Giro giro tondo, gira il mondo gira la ruota e tutti giu per terra.
Chi viene preso in giro da anni?
Chi paga?
Sempre noi.
 

Commenta

Commenti

Purtroppo c'è poco da dire.....
Ormai a Teramo lo sfascio è Totale!!!!!!

Presi in giro dall impresa da chi da diretto tutto ciò e di chi ha controllato il controllore.
Eppure sono sempre la.

Io propongo di prendere a bastonate brucchi e la sua giunta di incompetenti.

No Kira: non possiamo limitarci a dire, con la solita rassegnazione “ ormai è lo sfascio totale” . Bisogna individuare i responsabili, che si ritengono irresponsabili, e punirli severamente anche attraverso le pene pecuniarie della Corte dei Conti. Capirebbero che la solita passerella elettorale non è una passeggiata rose e fiori.

Alcune strisce luminose in corrispondenza delle traverse si sono già rotte, e nessuno le ripara...

un lavoro di merda.
Brucchi ha fatto danni irreparabili a Teramo e questi altri sono anche peggio perchè dopo lo scempio di Corso S. Giorgio hanno avuto il barbaro coraggio di mettere anche Corso De' Michetti in mano alla stessa ditta ed i risultati già si vedono.

Un atto di coraggio : pubblicate nomi e cognomi di :
Progettista- direttore lavori- controllo qualità materiali- controllo lavori a regola d’arte -imprese appaltanti- sub appalto - ecc.
Chi ha deliberato, chi ha controllato....chi ha diffidato, chi ha contestato e chi abbozzato......
Sarebbe tanto!

Nulla di nuovo, tutto regolare, siamo in Italia no? Progettista e direttore lavori al di sopra delle righe.Se non erro presidente dell'ordine Architetti di Teramo, sicuramente non raccomandato, ops! volevo dire aiu
tato da nessuno. Bel progetto, moderno con materiali d'avanguardia a dalle indiscutibili quanto idonee caratteristiche, tecniche ma anche cromatiche. Belle sfumature di grigio che mal si sposano con il contesto tanto da rattristirlo e renderlo brullo come la capa" di chi l'ha pensato. Tutto uno studio scientifico per un risultato d'effetto, simile ad un getto di cemento, nulla di più. Che delusione! Che rabbia se penso
che in questa fantastica opera ci sono i soldi di noi tutti. Un triste getto di cemento, tutto qui.

E il colore? Ne vogliamo parlare?

Io non con il senno di poi a suo tempo lo dissi e scrissi a ripetizione che la manutenzione sarebbe stata un serio problema , visto la varietà di materiali assemblati e la grande distanza del sito di origine del materiale di massima usato . Adesso prendetevela con chi fece tali scelte: tecnico progettista , commissione che scelse e l'allora Amministrazione che decise e sposò tale soluzione . Il tratto antistante i portici realizzato in porfido nel 2001 è ancora integro , a lungo e anche ad alta voce in tanti sostenemmo la continuità con detta soluzione ma rimenemmo inascoltati .

ma quali controlli, non controlla nessuno e nessuno è controllato, fanno tutti come cazzo gli pare, non frega niente a nessuno se i lavori sono fatti come si deve oppure a cazzo di cane l'importante è spendere e sperperare soldi pubblici.