Salta al contenuto principale

Covid 19 e trasporto scolastico. Ammassati come in un carro bestiame...1 puntata

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Prima la sintesi del nuovo dpcm sulle norme del trasporto scolastico sotto covid 19 in vigore fino al sette ottobre,
Leggiamo da Fanpage, 

"Le misure per il trasporto scolastico
La prima indicazione è quella di "procedere all'igienizzazione, sanificazione e disinfezione del mezzo di trasporto almeno una volta al giorno". Si raccomanda poi di assicurare un'areazione, il quanto più possibile naturale, del mezzo. All'entrata dovranno essere messi a disposizione degli appositi detergenti per la sanificazione delle mani. Per salire e scendere dal mezzo si dovranno rispettare alcune regole. Alla fermata, intanto, andrà mantenuta la distanza di sicurezza di un metro: all'arrivo del mezzo gli alunni dovranno entrare in maniera ordinata, aspettando che la persona in fila davanti a loro abbia preso posto a sedere. Per l'uscita invece, sempre evitando contatti ravvicinati, procederanno prima i ragazzi seduti vicino alle porte e così via gli altri.

A bordo dello scuolabus si dovrà indossare la mascherina

I ragazzi non potranno occupare (nei casi in cui ci sia) il posto vicino al conducente, che dovrà da parte sua indossare i dispositivi di protezione individuale, eviteranno di avvicinarsi e di chiedergli informazioni. Una volta a bordo del mezzo, gli studenti dovranno sempre indossare la mascherina. Un obbligo che però non sarà valido per gli alunni al di sotto dei sei anni o a coloro che soffrono di forme di disabilità non compatibili con l'uso di questi dispositivi. I posti disponibili su cui si potranno sedere i ragazzi saranno anche segnati con degli appositi marker segnaposto: sarà consentita una capienza massima dell'80% dei posti consentiti.

Capienza massima dei mezzi e fasce orarie
Fermo restando l'utilizzo delle mascherine, le misure di sanificazione e tutte le altre regole per il trasporto scolastico, viene "consentita la capienza massima del mezzo in cui la permanenza degli alunni non sia superiore ai 15 minuti". In questo caso però, specifica il documento, si dovrà programmare quotidianamente il percorso casa-scuola-casa "in relazione agli alunni iscritti al servizio di trasporto scolastico dedicato, avendo cura che lo stesso itinerario consenta la massima capacità di riempimento del mezzo" per un tempo massimo di un quarto d'ora".


Tutti ammassati. 
Igienizzazione?
Scendere dal mezzo in maniera ordinata?
La distanza di un metro?
Capienza massima 80%?
Chi dovrebbe vigilare?

E non finisce qui...



 

Commenta

Commenti

Via San Marino ore 8:00, venite a vedere la sicurezza!

I ragazzi che escono da scuola alle 12.30(quindi primo orario d'uscita) tornano a casa con i pullman loro dedicati oppure restano a passeggio fino alle 2 per poi accalcarsi sugli autobus della seconda fascia?
Le corse sono state raddoppiate ma a quanto pare conta di più un'ora di passeggio che il rischio contagio!
P.s. Chi scrive sa a quanto equivale l'80% dei posti di un autobus?

Volevo scrivere al sindaco,ma intanto butto giu quello che mi passa in Asti momento.
Sindaco hai avuto la brillante idea di fare tagliare erba nella zona adiacente al plesso San Giuseppe Savini il primo GG
di scuola ,ma nn finisce qui....dalle 12 ,cioe,orario per riprendere i bambini.
Ma poi,caro governo ,visto che chi percepisce il reddito di cittadinanza si tratta sul divano, mettiamoli a disposizione del comune che impossibile contattare per prendere un appuntamento.
Appuntamento obbligatorio tramite un nr dove nessuno risponde ,idem per mail.
Tornando ai nostri ragazzi ,ammassati come bestie, mettiamo a disposizione mezzi guidati da persone idonee sotto reddito di cittadinanza.
Nn le ho dato il voto sindaco e sono contenta di nn averlo fatto.
Che tristezza

Volevo scrivere al sindaco,ma intanto butto giu quello che mi passa in qsto momento.
Sindaco hai avuto la brillante idea di fare tagliare erba nella zona adiacente al plesso San Giuseppe Savini il primo GG
di scuola ,ma nn finisce qui....dalle 12 ,cioe,orario per riprendere i bambini.
Ma poi,caro governo ,visto che chi percepisce il reddito di cittadinanza si tratta sul divano, mettiamoli a disposizione del comune che impossibile contattare per
prendere un appuntamento.
Appuntamento obbligatorio tramite un nr dove nessuno risponde ,idem per mail.
Tornando ai nostri ragazzi ,ammassati come bestie, mettiamo a disposizione mezzi guidati da persone idonee sotto reddito di cittadinanza.
Nn le ho dato il voto sindaco e sono contenta di nn averlo fatto.
Che tristezza

Asssembramenti anche nelle scuole!!!

Comprensivo San Giuseppe strade piene di buche..voragini nei pressi dell'aiuola di fronte al plesso..genitori ammassati ..Molti senza mascherina ..uno scempio...nessuno vigila...complimenti vivissimi. Un plauso all'amministrazione dormiente da mesi.