Salta al contenuto principale
|

Teramo. Ricorso al Tar contro il diniego di un accesso agli atti e altre denunce....

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Ricorso al Tar contro il rifiuto di un accesso agli atti.
Scrive l'architetto Raffaele RaiolaStiamo per notificare al Sindaco Brucchi il ricorso al TAR promosso dall'Associazione "Teramo Città solidale & Cittadinanza Attiva", di cui sono Presidente, relativamente al diniego di accesso agli atti relativi al finanziamento e ai lavori del "Contratto di Quartiere II" della Cona. La via legale è stata adita congiuntamente al Comitato di Quartiere "Cona - Fonte Baiano - Piano Solare" e al "Coordinamento dei Comitati di Quartiere di Teramo".

Ricordiamo che per quanto riguarda la delocalizzazione della centrale Enel il comune di Teramo è l'ente attuatore e quei 2,5 milioni di euro dovrebbero essere inseriti in bilancio.

Nel frattempo, sempre per mancata trasparenza e altri presunti reati che saranno accertati o valutati dalla Procura di Teramo, in settimana, sarà depositato un esposto per la mancata pubblicazione degli indici sismici delle scuole Noè Lucidi e Michelessi.

Altra denuncia per mancate risposte a delle pec, in cui si dichiarava il pericolo ( in corso)  per una strada comunale.
Tutte le dimostrazioni di pubblico interesse che per puro caso riguarderanno uno specifico settore comunale.
Fate Vobis...
 

Commenta

Commenti

Io Comune non ti rispondo entro i 30 giorni, così tu devi ricorrere al TAR nei successivi 30 giorni. E per di più non ti motivo neanche il diniego. Così, intanto spendi qualche centinaio di euro tra ricorso e avvocato e poi vediamo cosa dice il giudice. Poi se hai ragione io mi prendo almeno altri 30 giorni e potrei sfruttare anche l'intimazione se necessario.
È così sono passati almeno 4-5 mesi di stancheggio.

Io sono dalla parte del cittadino!

L'architetto Raiola, che tanto si erge a paladino della legalità, è sempre stato trasparente quando lavorava al Comune di Campli? Ha sempre fatto il suo dovere? Ha sempre risposto con puntualità e sollecitudine come chiede al Comune di Teramo? Ecco, fossi in lei, caro Falconi, prima di puntare subito il dito, mi chiederei chi è che si nasconde dietro quel dito.

Cara Stufa, la legge è legge.
Io sono abituato a ragionare per storie.
Qui si parla del comune di Teramo e non di Campli. Perchè non ha denunciato se aveva qualche dubbio sul comportamento dell'arch. Raiola?
Stia bene...