Salta al contenuto principale

Teramo: Striscione contro l'Arma dei Carabinieri nel vecchio stadio comunale...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Leggevo un articolo sul Sardegna Live,
Nove Giugno 2020.
" La sua auto stava per essere totalmente sommersa dall'acqua piovana e loro, senza esitazione, l'hanno tirata fuori e messa in salvo. E' successo ad Ausonia, in provincia di Frosinone, dove il Capitano Tamara Nicolai, sarda, originaria di Calangianus,  32 anni (nella foto), comandante della Compagnia dei Carabinieri di Pontecorvo e il Luogotenente Mario Testa del nucleo comando sono intervenuti sulla Ausente  dove un'auto con all'interno una donna, stava per essere sommersa dall'acqua che aveva allagato la strada.
Si sono immersi completamente nell'acqua e reggendosi ad una corda ,vista la corrente molto forte, con l'aiuto di un volontario della protezione civile che è sopraggiunto con un trattore, hanno recuperato  la donna prima che il veicolo venisse completamente allagato."


Moltiplicatelo per altri dieci, cento, mille simili episodi per gli anni dalla fondazione dell'Arma dei Carabinieri ( 13 Luglio 1814) tra ordinario, quotidiano, missioni di pace, morti sul campo, vite spezzate, famiglie distrutte e capirete perchè i casi Cucchi, Aldrovandi, Serena Mollicone ( vi siete dimenticati?) e Piacenza, offendono i veri Carabinieri e i veri cittadini.

Quando si capirà che la Legalità è ascolto, attenzione, cura della libertà delle persone, rispetto delle regole e del vivere civile; quando si capirà che le brave persone, i cittadini che vivono nella Costituzione Italiana sono accanto all'Arma dei Carabinieri e le altre Forze di Polizia, si comprenderà che quello striscione offende noi stessi, prima di tutto.
Quando capirete che i Carabinieri si sentono umiliati anche dall'ultimo caso di Piacenza, comprenderete che l'unica frase da scrivere è quella di solidarietà nei loro confronti.
Bisogna denunciare e condannare le mele marce, in ogni campo della vita pubblica.
Chi non rispetta le regole va emarginato con la Legge e con la Cultura del rispetto civile.
L'Arma dei Carabinieri non deve confondere lo spirito di corpo con l'omertà.
Il dovere della denuncia è alla base delle parole di Procuratore Generale Militare 
De Paolis che sul Corriere della Sera dichiara «L’Arma è un pilastro dello Stato, volti pagina o sarà un colpo letale. Non è un “sistema” ma è un errore grave definirli “mele marce”. Creano focolai e infettano le caserme. «Bisogna controllare quello che avviene nella caserme, ma monitorare anche il tenore di vita dei carabinieri. Verificare quello che postano sui loro profili social. E proteggere chi decide di denunciare»».
https://www.corriere.it/cronache/20_luglio_25/carabinieri-piacenza-procuratore-controllare-tenore-vita-militari-e62b453c-cde4-11ea-94a2-f34b487902eb.shtml
 

Poi, c'è Teramo, dove tutto è possibile.
Aprire nuovamente il vecchio stadio comunale, festeggiare ed esporre uno striscione contro l'Arma dei Carabinieri.
Un'altra sconfitta. 

Commenta

Commenti

Io da ex paracadutista ho sempre sostenuto che dietro una uniforme c'è un uomo con le sue paure e debolezze. Per quanto si possa provare a scremare nelle selezioni qualche individuo non all'altezza del suo ruolo ci sarà sempre. Normalmente questi individui alla lunga vengono individuati e messi alla porta. A volte no e i risultati sono questi. Ma dobbiamo ricordare sempre che a far notizia è l'aereo che cade non i milioni che volano regolarmente. Quello striscione scritto dai soliti 4 idioti che non vivono rispettando le regole sociali, ci dimostra quanta strada c'è da fare ancora nell'educazione civica italiana.

Questi pensieri di taglio ideologico-politico del secolo scorso scritte sullo striscione non aiutano a far crescere la cultura democratica del nostro paese ma solo a costruire muri che non contribuiscono ad elevare la qualità dialettica sul significato delle nostre istituzioni nel loro operato.

Carissimo Giancarlo,
Oltre che al giornalista,parlo ad un ex ufficiale dei Carabinieri,quale se non sbaglio tu sei stato.
Condivido in pieno il tuo commento,ma permettimi di completarlo aggiungendo che ,oltre alle mele marce,andrebbero anche estirpate quelle pochissime piante che le producono.
Massimo rispetto per l'Arma e per tutti gli uomini che indossano la divisa,a tutela di noi cittadini.
Carlo

I sacchi neri messi fuori il cancello sono l'emblema della loro intelligenza. In piena emergenza l'organizzazione di un torneo di calcio è l'emblema della loro intelligenza. Il dimenticare un tifoso che uccide un poliziotto con un sanitario è l'emblema della loro intelligenza. Fortuna che tutti gli altri tifosi hanno l'intelligenza stessa come emblema.

La sconfitta è per l'arma dei carabinieri,
Non rivoltiamo la scrippella !

Sto aspettando di essere assolto completamente quando lo stato /VA RIFORMATO COSI E UNA BARZELLETTA COMUNISTA CHE COMINCIA MALE E POI SBAGLIA /colpisce alle spalle vigliacco un cittadino onesto e infamba e crea mostri dove ce
solo bonta quando lo stato crea mostri gonfiando allinverosimile stupidaggini solo per colpire un cittadino che parla a testa alta e che vale cento mille volte piu di chi lo accusa di reati gravi falsi dimostra solo di
non essere assolutamente degno ne della fiducia dei cittadini ne del ruolo e poco potere che gli diamo noi per servirci e che invece come bestie alcuni oggi osano abusare per colpire i cittadini modello incensurati questo e inaccettabile in Italia non lo accettiamo da nessuno neanche dallo STATO IMPAZZITO .uno stato degno sa proteggere il cittadino anche da chi abusa il potere sia un giudice o un carabiniere o chicchessia perche la vita e una ruota che gira per tutti.io fiducioso perche certo che Dio mi ama e che Dio trionfa sempre sul male mi aspetto che torni la quiete dopo la tempesta in un bicchiere d'acqua fresca.

servono riforme profonde i cittadini sono abusati impunemente da tutto il sistema e invece devono essere superprotetti da abusi sia di magistrati disonesti che da forse dell'ordine disonesti .percui tutto il sistema di accuse a cittadini va riformato e completamente sbagliato e cosi come e e un MOSTRO .non e uno stato degno di essere chiamato democratico lo capisce solo chi finisce nel tritacarne di questa dittatura camuffata da democrazia . esiste una giustizia Divina chi giudica sara giidicato ma la giustizia divina al contrario di quella terrena e per sempre. Chi sa di essere figlio di Dio non teme nulla in terra neanche satana in persona .

lo striscione estremista dei coccolati dai club,gli ultras, fá schifo . Poi peró 2 punti di vista:
1) Falconi : Bisogna denunciare e condannare le mele marce
2) De Paolis : un errore grave definirli “mele marce”
direi che sto con De Paolis, una caserma intera marcia e una mela sana. Il pesce comincia a puzzare dalla testa.

Crisi etica-morale di un bel Paese forse ex..

Onore all'Arma.

Chissà che la moltiplicazione non debba essere fatta a partire dalla caserma Levante.

Possiamo affermare che non si tratti più di mele marce o no? L'albero delle mele va sanato cominciando dalle radici.