Salta al contenuto principale
|

Rischia il linciaggio chi era con Mohamed durante il bagno....

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Non ci restano che le preghiere.
Un solo e unico Dio.
Non ci resta che sperare nei soccorsi e nella fortuna.
Fede, spiritualità, fatalismo, ognuno con la propria cultura ed esperienza di vita.
Un ragazzo è disperso.
Un ragazzo di Teramo, originario del Marocco.
Amico di tanti altri ragazzi di Teramo.
Il nostro pensiero in queste ore?
A sua madre, a chi gli vuole bene e poi, al ragazzo che era con lui perchè sentiamo la sua sofferenza e disperazione.
Il resto è una chiacchierata intercettata da una nostra fonte in un giardino del capoluogo.
Le parole?

" Se  lo trova mio cugino a "x" lo ammazza di botte". Un altro chiede: "ma chi è "x" ? " .
Gli viene risposto: "x è quello con cui era Mohamed. Mio zzzzz dice che Mohamed è morto per colpa sua. Che non lo ha salvato".
Caro Giancarlo, mi sono sentita male. Mi sono girata, mi sono fermata e l'unica cosa che sono riuscita a dire a quel ragazzo ( girandomi ho visto che era di colore) : ragazzino, innanzitutto, la morte di Mohamed non è confermata. Poi, quello che dici è gravissimo. Chi è che minaccia di morte chi??
Mi viene risposto, in maniera molto educata: signora, io non c'entro niente. Glielo anche detto a mio zzzzzzz di lasciar perdere , perché comunque non era colpa di x e non avrebbe potuto fare nulla per salvarlo. Ma non c'è niente da fare. Sono in 20 con a capo mio cugino che vogliono far fuori x "
Perché ti racconto questo episodio? Perché temo. Temo davvero che quel ragazzino superstite a una dramma simile possa essere soggetto di .... minacce, bullismo, lesioni da parte di imbecilli.. in che modo si potrebbe evitare una futura situazione del genere, dovesse mai concretizzarsi???


La nostra è una segnalazione alle Forze dell'Ordine, alla Procura di Teramo, alla società civile. 
Siamo tutti molto preoccupati.

Commenta