Salta al contenuto principale
|

Teramo: In pieno giorno urina contro la rete del campo di atletica...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Ci scrivono "Il signore sta facendo beatamente pipì,
Come se niente fosse, in pieno giorno, con una marea di ragazzini in giro per il quartiere! Visibilmente non lucido e con l’amico in maglietta sgargiante".

La foto senza i nostri ritocchi per la privacy è molto chiara ed è stata scattata con la nostra fotografa nascosta in auto.
Che cosa è diventata Teramo?
Nei luoghi sensibili come parchi urbani e luoghi di aggregazione dei ragazzi i controlli dovrebbero essere costanti e continui.
La sicurezza dovrebbe essere una priorità di ogni Amministrazione di Città-
Gli strumenti?
Telecamere e sensibilizzazione alla sicurezza partecipata attraverso denunce e segnalazioni.
Guardate come hanno ridotto un piccolo parco pubblico a Teramo https://www.youtube.com/watch?v=DglfoY8BeZE&feature=youtu.be
Parole a vuoto. 


 

Commenta

Commenti

Navigando su Internet spuntano fuori interrogazioni di consiglieri comunali che nell'anno di grazia 2016 - a fronte di abbondanti "minzioni notturne" all'aperto in pieno centro cittadino - nel condannare ovviamente questi comportamenti incivili - lamentavano giustamente - insieme all'assoluta assenza di controlli - la mancanza di bagni notturni e/o di WC automatici autopulenti come ne esistono in altre città italiane. La situazione, da allora, è sempre la stessa. Addirittura, durante l'Interamnia World Cup, i servizi igienici sotto Piazza Martiri della Libertà venivano "intelligentemente" chiusi sul far della sera nonostante la massiccia presenza di gente in città. In un articolo, poi, di una decina d'anni fa su un quotidiano locale si dava conto della situazione dei bagni pubblici in P.zza Garibaldi - come è noto - successivamente chiusi, infestati da siringhe ancora sporche di sangue, fazzoletti e altro ancora. Il "diurno" - come veniva in passato chiamato - era - a quanto pare - custodito, ma, evidentemente, doveva trattarsi di un servizio di controllo all'acqua di rose e la videosorveglianza era assolutamente inefficace. Si valuti adesso - possibilmente avvalendosi delle più moderne tecnologie l'opportunità - di riaprire questi "gloriosi" servizi igenici in considerazione della loro ubicazione in una piazza frequentatissima per la presenza - tra l'altro - di fermate dei "tram" e degli autobus extraurbani, nonché per la sua qualità di principale porta d'accesso alla villa comunale.
Domenico Crocetti

I cani pisciano e cacano ovunque..cosa vuoi che sia