Salta al contenuto principale

Epidemia Sanitaria: 3 oncologi, 11 infermieri, 3 pazienti e altri tamponi in attesa. Oncologia continuerà con le cure a domicilio. Chemioterapie garantire in Day Hospital

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Tracciabilità, contenimento, sorveglianza, chiusura.
Quando manca uno dei dettami fondamentali al controllo della pandemia si rischia una epidemia sanitaria.
Nessun tampone ai sanitari se non sintomatici.
Il risultato?
Gli ospedalieri diventano veicolo portatore del virus.
Il caso di Oncologia di Teramo, finora 3 medici oncologi, 11 infermieri e tre pazienti può diventare l'esempio di come la mancanza di presidi idonei, di controlli, di vigilanza, possano diventare elementi sostanziali per il virus.
Oncologia al Mazzini di Teramo.
Tampone a tutti i pazienti, dimissioni dove è possibile, cure domiciliari, trasferimento in altri reparti e chemioterapia con personale negativo al tampone.
Nel frattempo chi è stato contagiato ha tracciato i propri contatti?
Quanti medici, infermieri, portantini, autisti, oss, vigilants, famigliari dei pazienti, addetti al Bar hanno avuto contatti ravvicinati con i 14 sanitari di Oncologia?
Nessun tampone fino ai sintomi.
Chiamatelo rispetto della normativa per noi è solo follia. Ci piacerebbe ascoltare il piano mirato del Direttore Sanitario dell'Asl di Teramo. Chi ha notizie?
 

Commenta

Commenti

Da giorni ho lamentato. su questo.sito le scarsissime se.non.assenti o.ritardate consegne.di protezioni sanitari,quali occhiali.e mascherine in alcuni.presidi ospedalieri regionali,avendo.appunto.persone a me molto care che prestano.il.loro.servizio come.medici.

Ormai sono passati 4gg ancora e i dati dei tamponati non sono noti. Personale sanitario tamponato costretto andare al lavoro. Non riesco a capire? A mio parere se continuano cosi infettiamo ospedale e cittadini Teramani

Personale di oncologia OC Teramo tamponato oggi al lavoro. Il virus 2019 n-CoV si trasmette anche senza sintomi come fanno altri virus. In un bambino tempi di incubazione di dieci giorni. E' normale!

la diffusione è alle porte?Pur se la cosa è spiacevole,non sarebbe il caso di conoscere i dati e le residenze del personale sanitario contagiato per evitare contatti pericolosi tra la popolazione civile?

Mia zia è ricoverata in quel reparto da un mese ...fino all'altro ieri sera quando già si sapeva che il primo dottore era risultato positivo ed erano stati fatti i tamponi a tutti gli infermieri del reparto ecc hanno continuato a far entrare la sera per somministrare il vitto ai famigliari SOLO ieri sera x la prima volta mio zio l' hanno rimandato a casa . ..Noi sapevamo c'erano problemi da più di 10 giorni tanto che mia madre la sorella non l'abbiamo più fatta andare dalla sorella e stare lì anche solo per darle un po' d'acqua era un conforto per entrambe...sola in un momento così difficile ...Il reparto di oncologia doveva essere chiuso da subito appena il virus ha fatto la sua comparsa in Italia e le immagini che arrivavano dal nord ci fotografano una situazione agghiacciante. Reparto di oncologia reparto di chi combatte per la vita forse l'ultima battaglia per la vita e questi fino a ieri facevano entrare tutti? L'intero ospedale doveva essere chiuso da sudito invece si è con lassismo inspiegabile continuato ad avere le porte aperte come nulla fosse. Medici e infermieri eroi in corsia per noi per oggi ancora non sono stati sottoposti a tamponi ... stanno a contatto con pazienti ricoverate ognuno per
patologie diverse che vanno tutelate così come va tutelata la sicurezza del personale sanitario e di conseguenzadelle loro famiglie .. Qualcuno dovrà rispondere della negligenza del mancato rispetto dei protocolli di sicurezza...tanto sono già malati ...oncologici .. possono morire ...adesso anche da soli ...

È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti e di questo e di quanto sarebbe stato possibile fare in tempi non sospetti e che ora riteniamo sia non solo logico e doveroso, ma indispensabile fare, riparleremo quando l’emergenza sarà passata.