Salta al contenuto principale
|

Finanziaria, Zennaro (M5S): Sisma 2016, restituzione tasse sospese in dieci anni e proroga di sei mesi

1 minuto

“Un lungo lavoro ed ora tanta soddisfazione soprattutto per migliaia di cittadini terremotati teramani che potranno restituire le tasse sospese non più in due anni, come era previsto dalla finanziaria del Governo precedente targata PD, ma in 10 anni, spalmando quindi i contributi non versati a causa del sisma in 120 rate” - dichiara il deputato M5S Antonio Zennaro.

“Una battaglia vinta a difesa dei lavoratori, che ridurrà molto il peso sulle prossime buste paga, dando maggiore respiro alle famiglie e all’economia della montagna e delle aree interne” - continua Zennaro - “A ciò si aggiunge la proroga di altri 6 mesi, grazie a cui i cittadini cominceranno a pagare non più da gennaio, ma dal mese di giugno.”

E conclude - “Un importante pacchetto sul sisma è stato inserito nel maxiemendamento del governo approvato nella notte al senato, che include anche la proroga della zona franca urbana e la proroga dello stato di emergenza con ulteriori stanziamenti. Il risultato di un lungo lavoro che ho portato avanti duramente insieme agli altri parlamentari cinque stelle, spesso con il contrasto e la mancanza di fiducia dell’opposizione.” 

La proposta, presentata nelle scorse settimane alla Camera dal deputato M5S Antonio Zennaro, è stata inserita nel maxiemendamento del Governo e approvata ieri sera al Senato con 167 voti, ed ora tornerà alla Camera per il passaggio definitivo. La misura rientra nella legge di bilancio e permetterà ai lavoratori residenti nei comuni colpiti dagli eventi sismici del 2016 e 2017 la restituzione dei tributi non versati e sospesi in un massimo di 120 rate mensili a partire dal 1° giugno 2019.

Commenta

Commenti

Basterebbe fare BENE E RAPIDAMENTE la ricostruzione e non servirebbe fare altre cose come questa, cancellate le tasse per 5 anni piuttosto.
Mancano i soldi ?

Semplice, visto che i partiti campano sulle spalle del popolo, prelievo forzoso del 75% delle disponibilità economiche dei partiti al verificarsi di eventi che necessitino di investimenti enormi dello stato.

Dimenticavo che nessuno voterebbe mai una legge simile, tanto tra 5 anni l'Italia avrà dimenticato le zone terremotate come ha dimenticato L'Aquila e buona notte ai suonatori.

Condivido con generale.
Muovetevi a fare la ricostruzione e queste cose non servono.
Il ns sindaco fa i consigli comunali speciali pro terremoto a ridosso del Natale e poi tutti a farsi le foto e mangiare li caggiunitt...poi va Roma a incontrare il Papà....ma a sbattere i pugni sul tavolo per far funzionare la ricostruzione Non se ne parla.... siamo lontani anni luce....Tutta una farsa !!!!

finalmente una buona notizia fatta da qualcuno che finalmente pensa ai cittadini. Mi sorprende il fatto che, spesso, la politica nostrana non metta in risalto le buone notizie ma le avversa perchè non partorite dal loro intelletto. I cittadini di Teramo e dintorni, vivono una realtà dove si è completamente abbandonati. Strade con le buche, erbaccia in ogni dove, viabilità sconvolgente, situazione dei ponti sia sopra sia sotto preoccupante, rifiuti abbandonati in ogni dove nelle strade di periferia. E' una politica del sindaco e del consiglio molto approssimata dove i debiti del Comune sono consistenti. Abbiamo problemi con l'acqua migliore d'Italia affidata ad una gestione clientelare. Manca completamente una vigilanza della città dove spaccio e maleducazione la fanno da padrona, poi vai a passeggio per il centro e trovi un garage in ferro sotto una chiesa che è un'attrazione turistica, senza contare il degrado delle vie adiacenti.