Salta al contenuto principale

Teramo: I commercianti del Centro Storico dicono Si a Goldrake...

1 minuto

Gentilissimi  Sindaco  e  Giunta  Comunale,

gli scriventi, in proprio e quali rappresentanti dei rispettivi esercizi commerciali del centro storico di Teramo (nonché quali rappresentanti delle organizzazioni di categoria ) con la presente intendono rendere nota la condivisione relativa alla realizzabilità del cosiddetto progetto “Goldrake”, consistente nel manufatto da collocarsi,  come ipotizzato dai promotori,  sopra la copertura della sala Ipogea  in  Piazza Garibaldi.

All’esito di apposite riunioni svolte a tale riguardo, siamo perfettamente consci della portata progettuale e delle ricadute in termini di visibilità e di marketing territoriale che essa comporterebbe per l’ intera città.

A tal fine, siamo a rappresentare una forte e unanime condivisione del progetto in parola, senza obiezioni di sorta né impedimenti strumentalmente burocratici, quali ci sembra di avere scorto nelle cronache giornalistiche locali.

L’ assenza di oneri economici a carico della cittadinanza e la circostanza fattuale che il manufatto andrebbe collocato in area ad alta densità di traffico e priva di alcun interesse storico o artistico, ci inducono a ritenere che eventuali altri impedimenti possano essere facilmente neutralizzati, fatta salva la superiore volontà degli Organi politici dell’Amministrazione Comunale, ai quali è rimessa l’adozione effettiva del progetto in parola, come è noto donato dai promotori alla città.

Pertanto, abbiamo premura di manifestare il massimo appoggio all’iniziativa, che riteniamo di grandissimo interesse ed utilità anche per il rilancio del settore commercio, che come è noto è stato martoriato da lunghi anni di crisi economica.

Restiamo in attesa, di cortese riscontro e siamo disponibili ad ogni forma di collaborazione per accelerare e rendere fattibile la realizzazione progettuale di che trattasi.

Cordialmente.

Commenta

Commenti

Ma non si dovrebbe sapere se un'opera del genere, comporti la eccessiva chiusura della visuale libera, per gli automobilisti che impegnano una rotonda ad alta densità di traffico?

Siamo a posto. Sono sicuro che diventeremo lo zimbello dell'Italia. Prima ci conoscevano per la città dei matti dopo ci conosceranno come la città degli stolti per aver permesso un obbrobrio del genere. Già che ci siamo mettiamo un bel Dracula davanti all'Ospedale, un bel Mazinga a Piazza Dante, un king Kong gigante agli ingressi in città, un Gig Robot a Piazza Martiri e una statua di Heidi col cane a piazza Sant'Anna.

Beh, certo, con la navicella di Goldrake sopra l’ipogeo di piazza Garibaldi ci saranno veramente file di persone che verranno da fuori Teramo a fare acquisti nei negozi del centro storico che adesso sono in crisi... ma questa lettera è uno scherzo o è vera? Spero sia solo una burla da parte di alcuni commercianti teramani.

A proposito della parte economica: leggo che la cittadinanza non subirebbe la spesa perché tutta la cifra verrebbe corrisposta attraverso crowdfunding... Quindi, semplificando, io chiedo a dei donatori su internet una cifra, e spero che si raggiunga, giusto?
Ecco, a tal proposito avrei qualche domanda in merito...

Domanda n.1 : nella cifra richiesta sono stati inclusi anche i costi di trasporto, allestimento, manutenzione per gli anni di programmazione e (mai dimenticare questa parte) per lo smontaggio del tutto quando terminerà il ciclo di "vita" di goldrake?
No perché Ennio Flaiano diceva che "non c'è niente di più definitivo del temporaneo", e non vorremmo che poi si aggiungessero le postille "sì, ma noi intendevamo i costi secchi del goldrake, non i costi accessori: quelli li dovrà mettere il comune!"

Domanda n.2 : cosa accadrebbe se non si raggiungesse la somma nella sua interezza? Sfumerebbe tutto? Perché il crowdfunding funziona proprio così: io chiedo 100, se raggiungo 100, bene; se raggiungo 99, non se ne fa nulla.
Andrà così oppure ci sarà da aspettarsi una cifra da raggiungere di riserva (diciamo il 90%, o l'80%) e poi si passerà al contributo pubblico onde evitare che tutto vada perduto?
Ed in tal caso, chi deciderebbe la cifra minima richiesta? Il Comune, il comitato?

Domanda n. 3: dando per scontato che si sia studiata per bene la normativa in maniera di Crowdfunding (giusto, è stata studiata? Perché l'Italia non è l'America e non ha le stesse regole), cosa si offrirebbe in cambio per il crowdfunding? Delle magliette autografate? un pezzo di goldrake alla fine dell'allestimento? Una wall of fame?
Perché io non ce lo vedo un milanese (e neanche un reggino) a contribuire per allestire un mega goldrake a teramo... Ma magari sono poco immaginifico io.

Per finire: noi stiamo ragionando sull'opportunità del progetto, sulla bellezza o bruttezza della cosa, dell'impatto turistico e di quello dei residenti in città, e questo è sacrosanto.
Ma se ai frequentatori di internet (e dei crowdfunding) di contribuire per installare un estemporaneo goldrake in una cittadina italiana che nulla ha a che vedere con goldrake (se non l'immaginazione di un consigliere comunale) non fregasse niente?
Cioè, se si chiedessero (la butto lì) 30.000€ e se ne raccogliessero 1.500, poi che si farebbe? Cosa ne sarà stato di tutto questo tempo a discuterne?

Si può dare un valore al tempo, alle riunioni di maggioranza, al tempo impiegato a scapito di altre progettualità? Io penso di sì, anche se è divertente leggere di questo argomento, a dirla tutta.

Cari commercianti del centro storico rappresentate tutto il centro storico? i residenti cosa ne pensano? Secondo voi piazza Garibaldi dovrà essere chiusa al traffico? oppure la Grande Opera potrà essere ammirata solo dalle macchine in moto? ... ecc. ecc. ecc.

ditemi che é uno scherzo vi prego! Questo é peggio del museo gattaro, famoso in tutto il mondo.Teramo sará invasa da milioni di turisti.Fermateli! Che piccoli uomini i commercianti.

Confermo il commento di Mappeca’... a detta dei lungimiranti e intelligenti commercianti del centro storico della nostra città ce la dovremo vedere con tanti turisti che verranno a Teramo per ammirare una siffatta bellezza a piazza Garibaldi e che riempiranno i negozi del centro storico anche per gratitudine a coloro che hanno firmato il loro assenso a questa universale opera d’arte. Purtroppo non sembrerebbe uno scherzo, ahinoi :(

Se quelli che verranno ad ammirare l'obbrobrio si chiamano turisti, io mi chiamo Albert Einstein.

Rimettete il vecchio due di coppe

ditemi che siamo su "scherzi a parte".....................
naaaaaaaaaaaaaa non e' vero ,ditemi che ho mangiato pesante e ho fatto un sogno brutto,brutto,brutto, ma che dico brutto.....bruttissimo!!

Piuttosto che niente, meglio piuttosto...
Però a volte non funziona così, dal disegno si vede una area pedonale intorno al manufatto.
Area che adesso non c'è, e per arrivarci bisognerebbe passare dal sottopasso e sbucare nella piazza o nel manufatto...
Ma si sa, a parte lo smog, il traffico etc.. riusciranno i nostri eroici progettisti a rendere la struttura fruibile anche a bambini e disabili? Che le auto che sfrecciano sulla piazza?
Mah..

Cambiano le amministrazioni....ma i danni alla nostra povera città aumentano..!!! Invece di scovare e punire i responsabili del progetto Ipogeo..!!(per chi non lo sapesse ci piove) si affrontano nuove spese per un progetto a dir poco ridicolo.Gaetano