Salta al contenuto principale
|

Signore di 64 anni offeso e bullizzato da un gruppo di adolescenti teramani

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Quando ci sarà la consapevolezza da parte di tutta la società civile, delle Istituzioni, delle Forze dell'Ordine che il vero problema di una Provincia come Teramo è l'assenza di educazione civica, di filtri familiari, di valori morali.
Quando riusciremo a togliere la testa da sotto la sabbia?
Consumo di eroina in aumento; di alcol; di psicofarmaci.
Il risultato?
Violenza e inciviltà.
Bullismo e vigliaccheria.
Ci scrivono " Questa mattina mentre passavo in piazzetta del Sole mi sono sentito apostrofare da due ragazzini di non più di 13-14 anni con grevi parole, senza alcun motivo. "Ehi, mong... de, str..., ngu... a mam.." Al mio chiedere del perché di tali parole sono stato invitato ad andare a fare in.... Sono esterrefatto e incredulo di come la nostra società si sia ridotta. Ho 64 anni e quei luoghi vicini a casa mia li ho frequentati da bambino. Giocavamo a pallone, ruba bandiera, rimpiattino e mai ci sognavamo, io e i miei compagni di gioco, di offendere qualcuno o in modo deliberato urlare parolacce ai passanti. Il mio è un appello ai genitori di questi probabili delinquenti. Vigilate i vostri figli, accertatevi dove vanno e cosa fanno e chi soprattutto frequentano. Ciò che vi racconto è sintomatico del momento che stiamo vivendo, dell'odio verso il prossimo, della mancanza di valori veri, dell'assenza della famiglia e di chi ci insegnava l'educazione, il rispetto del prossimo e delle istituzioni. Che tristezza...". ( foto Internet) 

Non smettete mai di parlare con i vostri figli.
Mai. 
Non smettete mai di sentire i loro silenzi.
Mai.




 

Commenta

Commenti

e se le pareti delle scuole potessero parlare...

Sono un gruppo di ragazzini e ragazzine senza freni del posto unito ad altri di fuori che non hanno rispetto di nulla inzozzano e strillano tutto il giorno ci sono anche 2 marocchini amici del ragazzo annegato a Giulianova anche loro senza regole...
Nonostante il quartiere ha combattuto la droga che si vendeva quotidianamente ad ogni ora ,nonostante sia abitato da 2 assessori e consiglieri continua ad essere sporco e senza controllo ora sotto scacco da 4 ragazzetti annoiati.

Questi li recuperi a suon di sberle. Per loro e poi a seguire i loro genitori ( se esistono )

Già una ventina di anni fa se ti azzardavi a fare una cosa del genere erano calci in culo prima dal signore che avevi offeso e poi mazzate a casa. Adesso si sentono immuni in quanto le mazzate non le prendono piú e anzi ti denuncerebbero pure...io penso semplicemente che sia carenza di mazzate....

Ma due schiaffatoni? Dopo vedi se ci riprova. L'educazione s'impara anche fuori la famiglia se purtroppo non esiste

Teramo in mano ai barbari!! Mi chiedo se dietro questi vigliacchi ci siano delle famiglie e che genitori sono. Pronti a difendere anche nel torto più palese i figli. Teramo in mano all abbandonò di un centro storico ridotto al nulla dove ognuno è padrone di fare tutto. Figli ragazzi senza una vera prospettiva futura

Avete voluto una società dove non si potevano dare più i "leccamuso" ai ragazzini irrequieti? Ecco il risultato.

Basterebbe far passeggiare qualche poliziotto in borghese che, nel caso in cui venga apostrofato alla stessa maniera, tiri fuori il famoso tesserino e li faccia almeno (scusate) cagare in mano....Sono piccoli stronzetti che singolarmente non avrebbero coraggio di fare cose del genere e che in gruppo (di stronzi) "si fanno i fregni"...

Si dovrebbe fotocopiare ed appendere per tutta la città... Ormai il mondo è allo sfascio

Buongiorno direttore! Purtroppo non è un caso isolato, a Mosciano dove abito è successo pure.
Quando la chiesa, pur per carità avendo le proprie idee politiche,smetterà di praticarle per tornare a predicare ed educare la comunità a certi valori,quando la famiglia tornerà ad essere tale e quando la scuola ritornerà ad avere il ruolo per la
quale è nata allora forse si rientrerà in coscienza e rispetto degli uni verso gli altri. Occorre un riordino morale, sociale ed economico altrimenti non è vivere in pace ma sopravvivere.

Cordiali saluti, Simona Cardinali.

Scasami sessantaquattrenne, ma lei il diretto destro lo conosce? Il buonismo al giorno d'oggi, purtroppo, è fuori luogo. Le mammette ed i paparini essendo loro stessi maleducati come fanno ad insegnare l'educazione ai loro figli?

I figli dei suoi figli...

I genitori provengono da una legione di eterni Peter Pan, incapaci di avere delle relazioni serie, amici dei figli e non genitori...

Prendete ad esempio uno come Salvini, scarsa attitudine al lavoro, sempre il migliore di par suo a parole, figli sparsi qua e là, emblema dell'ignorante. Portabandiera della sua generazione...
Per carità non tutti, ma molti

Cara Simona, concordo con lei.
Il ritorno agli oratori di Chiesa, di Partito, di Stato.
Sale letture, di sport e tanto inquinamento culturale-
La ricetta civica. 
 

“Il vero problema di una Provincia come Teramo è l'assenza di educazione civica, di filtri familiari, di valori morali.”, Esatto! È proprio il provincialismo, lo stesso che nella maggior parte dei commenti espressi ne dà conferma. Cambiando l’ordine degli aggressori il risultato non cambia.
Di pancia tutti vorremmo punire gli aggressori con un bel ceffone, ma sarebbe come tamponare una carie senza curarla: essa continuerà a crescere facendo marcire il dente. E il dente sono i giovani, i cittadini. Il dente siamo noi.
È possibile che se guardassimo a queste giovani persone come a vittime di quello che la Provincia non sa offrire riusciremmo ad aiutarli, ad affrontare le turbolenze della crescita. Forse, hanno bisogno di affetti e poco più.