Salta al contenuto principale

Teramo piange due suicidi in 24 ore. Una sconfitta e un dolore di tutti noi.

di Giancarlo Falconi
1 minuto

C'è chi racconta di un aumento incredibile di suicidi per motivazioni economiche post lockdown
" Dall'inizio dell'anno sono già 42 i suicidi, di cui 25 quelli registrati durante le settimane del lockdown forzato per Covid; 16 nel solo mese di aprile. Questa impennatà risulta ancor più preoccupante se confrontiamo il dato 2020 con quello rilevato appena un anno fa: nei mesi di marzo-aprile 2019, il numero delle vittime si attestava infatti a 14, e il fenomeno dei suicidi registrava la prima vera battuta d'arresto dopo anni di costante crescita".
C'è chi parla di fenomeno Awakening.
Il risveglio da uno stato di livellamento emotivo, in cui tutti si sentivano uguali nel condividere la stessa problematica mondiale, pandemia da covid 19, fino al pugno in faccia di un ritorno improvviso alla realtà e ai problemi quotidiani, i cui effetti vengono decuplicati.
Teramo come risponde ai tentativi di suicidio e ai due decessi in meno di 24 ore che abbracciano due generazioni lontane in anni ed esperienza?
Attraverso la chiusura ( trasferimento Giulianova emergenza coronavirus) di un reparto di fondamentale importanza come quello di psichiatria e l'ascolto immediato di esperti del settore.
Tutto è diventato patologico e fonte di paura.
Si è spaventati dal contatto umano, dal fare anche e solo la spesa, non si ha la capacità di ripartire quando si perde tutto dal lavoro o un grande affetto o da entrambi,
Abbiamo bisogno di aiuto ma non siamo capaci di chiedere ascolto.
Teramo piange una ragazza e un uomo anziano.
Una sconfitta e un dolore di tutti. 


 

Commenta

Commenti

Per Loro le decisioni sbagliate & le profonde ferite erano divenute MALI più insopportabili della VITA; una VITA imperfetta e complicata in cui, tuttavia,
NULLA È IMPOSSIBILE!
Com'è triste Venezia
Aznavour

Al di là di situazioni di richiamo al fenomeno di Awakening, che pure ha avuto una funzione di palliativo, ma allo stesso tempo avrebbe potuto avere una funzione di risveglio stimolante a livello psicologico, mi chiedo di quanto le ultime generazioni siano dotate di forza interiore e di ideali lontani da futilità di pressappochismo intellettuale , capaci di far superare una tragedia non dissimile e più grave di altre sopportate da chi ci ha preceduto nel secolo breve.

Non sono i primi e non saranmo gli ultimi episodi drammatici frutto di un degrado sociale economico che quesra collettività sta subendo da anni. Chiedeti a che livelli stiamo di disoccupazione giovanile e under 40 chiedetevi a che livelli stiamo di abuso di alccol e droghe specie tra i giovani e chiedeti che prospettive ha teramo in termini di sviluppo lavorativosociale giovanile.... poi capirete il petche di questi drammi. Devono riflettere tutti politici cittadini istituzioni...

E poi ci sono quelli che restano vivi ma è come se fossero morti.Si trascinano con fatica , senza decidersi mai."Morire non si può e vivere nemmeno..."
Un abbraccio a Francesca e a Gennaro.

Una trentatreenne ed un sessantaduenne sono entrambe persone che hanno ancora molto da vivere, con due esperienze alle spalle diverse, ma in condizioni di fare un bilancio, più lungo o più corto che sia, della propria vita e casomai constatare che è puntellata di fallimenti: relazionali, economici, lavorativi, di progettualità non coronate da successo....non è dato sapere! Comunque e soprattutto, persone non ascoltate che hanno ricevuto vicinanze non empatiche e che in quel momento non avevano a chi rivolgersi per essere dissuasi da quell'estremo gesto....

Una trentatreenne ed un sessantaduenne sono entrambe persone che hanno ancora molto da vivere, con due esperienze alle spalle diverse, ma in condizioni di fare un bilancio, più lungo o più corto che sia, della propria vita e casomai constatare che è puntellata di fallimenti: relazionali, economici, lavorativi, di progettualità non coronate da successo....non è dato sapere! Comunque e soprattutto, persone non
ascoltate che hanno ricevuto vicinanze non empatiche e che in quel momento non avevano a chi rivolgersi per essere dissuasi da quell'estremo gesto....