Salta al contenuto principale
|

I dipendenti dell'Asl di Teramo senza indennità nella busta paga

2 minuti

In attesa dell’ospedale unico…non si pagano le indennità

Questa mattina mentre in CGIL  si svolgeva una conferenza stampa con la quale si è consegnato l’invito ad AUSL Teramo e alla Regione Abruzzo, di uscire da una logica di annunci mediatici sul futuro della sanità teramana  e di avviare un percorso di partecipazione democratica che veda protagonisti  istituzioni, parti sociali e i cittadini, dal quale possa emergere la migliore soluzione per la tutela del diritto alla salute dei cittadini, chi quei servizi li eroga materialmente, cioè i dipendenti della AUSL di Teramo, hanno avuto un’amara sorpresa.tasche vuote

Nella loro busta paga, non sono state erogate le indennità contrattualmente previste per il personale del comparto;  in maniera unilaterale e senza alcun preavviso, sono state “bloccate” e non corrisposte indennità relative a prestazioni rese.
A ciò si aggiunge la superficialità con cui diversi dirigenti hanno affrontato il percorso di valutazione del personale ai fini del saldo degli incentivi dell’anno 2015. Superficialità che hanno messo le lavoratrici e i lavoratori del comparto nelle condizioni di non vedersi erogati nemmeno tali somme.

Alla luce di quanto accaduto, la scrivente organizzazione sindacale non può non interrogarsi se i vertici della AUSL 4 di Teramo credono che, senza il giusto riconoscimento delle professionalità dei suoi dipendenti  che  svolgono le loro attività in una condizione di carenza di organico diffusa e generalizzata continuando a garantire il funzionamento dei reparti e dei servizi, possa davvero continuare a garantire l’universalità del diritto alla salute così come previsto dall’articolo 32 della Carta Costituzionale.

La tutela dei diritti dei lavoratori della Sanità è per noi tutela del diritto alla salute pertanto chiediamo che si proceda con la liquidazione degli emolumenti relativi alle indennità “bloccate” (Turno, reperibilità, indennità per particolari condizioni di lavoro) nel più breve tempo possibile prima della prossima busta paga.

Il Segretario della FP CGIL Teramo

F.to Pancrazio Cordone

Commenta

Commenti

Stessa cosa il mese scorso

Purtroppo da dipendente non posso commentare. Peccato

Domani che vengano i dirigenti a dare il cambio e fare assistenza ai malati visto che noi non contiamo nulla!!!!!!

Quando tutti gli uffici, le scuole, le strade, i comuni e la stessa ASL (amministrazione) erano chiusi per neve, terremoto, mancanza di energia elettrica chi prestava assistenza ai malati in ospedale? Mentre loro stavano a casa gli operatori sanitari facevano doppi turni per garantire continuità terapeutica ed assistenziale, tutti hanno collaborato per garantirla. Ora si vedono negate le indennità di quel periodo!!!!! Parliamo anche di una buona sanità e non sempre di cattiva sanità!!!! Bisognerebbe riflettere su questo!!!!! Noi ci siamo sempre stati!!!! Ed ecco come ci trattano!!!

O Dio che cosa è successo?
Si risente la Cgil Funzione Pubblica!
Sarà una svista?
L'ultimo respiro?