Salta al contenuto principale

Teramo: La verità sul bando dei parcheggi e chi rischia il posto di lavoro...

di Giancarlo Falconi
2 minuti

Il tema della occupazione, della clausola sociale di un bando per un servizio è un argomento delicato sia socialmente che economicamente.
Va trattato in maniera chirurgica e analitica.
 

Determina numero n. 99 del 15/04/2021 (pag. 16 V° comma).
Percorso amministrativo per affidare la Concessione della gestione dei parcheggi nei prossimi mesi e il periodo transitorio necessario per l’individuazione delconcessionario tramite Concessione sarà gestito con il vincitore della cosiddetta gara “ponte”, avviata in precedenza.

Chiaro?

Il Sindaco e la Giunta a varie riprese ed per ultimo il Consiglio Comunale con delibera n.56 del 15
settembre 2020 dichiaravano di volere tutelare nella gestione dei parcheggi l’occupazione quale
interesse generale primario di natura economica oltre che di tutela sociale.

Chiaro?
 

Nella gara “ponte”, le cui offerte sono state presentate il 16 settembre 2020, non è previsto un
numero minimino di personale impiegato, è stato richiesto ai concorrenti di impegnarsi ad assorbire
prioritariamente il personale già operante della ditta uscente, composto da 28 unità lavorative,
richiedendo al contempo (Pag. 9 Art.12 quinto comma del Capitolato) che tutto il personale in
servizio presso il concessionario dovrà possedere sufficiente conoscenza di almeno una lingua straniera.

Chiaro?

Quanti dei 28 operatori Tercoop  sono a conoscenza di una lingua straniera (come esposto nei chiarimenti dal Comune di Teramo). La durata minima del contratto ponte sarà di un anno. Per cui 14 lavoratori Tercoop non potranno essere riassunti. Mentre i “fortunati"quale contratto e quale livello contributivo 
riusciranno a firmare?
 

Chiaro?

Scaduto l’anno subentrerà il Concessionario del Project Financing, scelto con una gara pubblica di
cui si deve solo pubblicare il bando dal 10 ottobre 2020.
Sette mesi.
 In questa procedura di gara è obbligatorio assumere almeno 23 operatori e, in ossequio alla delibera del Consiglio Comunale del 15 settembre 2020, diventa criterio premiante, per aggiudicare il contratto, assumere lavoratori in più fino ai 28 attualmente impiegati dalla ditta uscente.

Chiaro?
 

E’ pleonastico, evidente che nella procedura del Project Financing c’è una grande tutela per tutti i
lavoratori Tercop, nel bando ponte le tutele sono molto basse e solo per 14 dei soci su 28.
Ci sono voluti mesi per  determinare il Concessionario tramite Project Financig, la differenza temporale fra i due procedimenti è di circa 2 mesi, pubblicazione del bando, tempo per la consegna delle offerte e
apertura busta amministrativa. Noi quasi 8 mesi. 
Senza considerare la duplicazione di spese per due bandi praticamente già noti anche negli importi.

Chiaro?

Chi risponde?

Commenta