Salta al contenuto principale

Traffico di influenze. Parla Fabio Altitonante...

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Leggere che il consigliere regionale Fabio Altitonante sia stato rinviato a giudizio per corruzione mentre il capo di imputazione era traffico di influenze non fa bene al senso della legalità.
Ognuno si prenderà le proprie responsabilità. 
Le sentenze si accetteranno senza ulteriori commenti. 
Questa è la storia della Giustizia in Italia in cui bisogna attendere oltre 2 anni e mezzo per l'inizio di un iter giudiziario.
Fabio Altitonante andrà a processo e spiegherà quelle telefonate.
Ascoltatelo...https://www.youtube.com/watch?v=BDN567pX2-Q

Commenta

Commenti

Augurando al Sindaco di essere giudicato innocente, augurandogli che tutto finisca il prima possibile, c’e una cosa che non mi è chiara, ovvero perché ogni volta che ne parli dimentichi “illecite” e chiami questo reato “Traffico di influenze”. Ho l’impressione, e mi auguro non sia così, che voglia buttarla in caciara, che voglia alludere ad una cosa alla Chira Ferragni e non ad un reato penale.

In questo paese è necessaria una profonda ed immediata riforma della giustizia.
Basta con le esecuzioni sommarie dei PM, dei media e dei giustizialisti quando pare a loro.

Un'intervista con domande al limite della vergogna.

CHI NON HA MAI PECCATO DI ATTIVITÀ DI INFLUENZA SCAGLI LA PRIMA PIETRA
un delitto "elastico" che non definisce in modo chiaro il limite di liceità.
Sarà quindi la giurisprudenza, sarà quindi il giudice, con i Suoi tempi, a delineare il confine tra l'attività d'influenza ritenuta legittima e quella contra jus!
Il Buon Sindaco venuto dal Nord, dovrà attendere molte lune per avere giustizia!
Com'è triste Venezia
Aznavour

Viene sempre fuori un quadretto di malelinge invidie e rancori contro chiunque lavora per cambiare e frenare questa secolare deriva. Questo vuol dire che Teramo non merita niente e che tutto proceda lento e inesorabile verso il declino totale della città e della provincia. Giovani andate via da questo posto. Lasciate 4 vecchi bavosi e invidiosi insieme ai dinosauri della politica.