Salta al contenuto principale

Costantini attacca D'Alberto " Teramo è amministrata male e la Città è ...."

di Giancarlo Falconi
1 minuto

Che cosa avrà risposto il sindaco di Giulianova, Jwan Costantini all'ass. Antonio Filipponi?
Nulla a Filipponi, tutto a D'Alberto.
Il tema parte dal video con Sgarbi al resto delle invettive della Sinistra....
Ascoltate https://www.youtube.com/watch?v=KTeemfry3Nk

Commenta

Commenti

Ma Giulianova non è più amministrata dalla madonna dello sbiannore?
Che je s’arpijit la fascia?

Partendo dal presupposto che io non ci consumo neanche un euro a giulianova , tutti i torti non glieli do su come ha ridotto Teramo l’attuale Sindaco , me malgrado .

Costantí, fa lu bbone…

Torna sempre utile il triste motto "A lo parlare agi mesura" che in questa provincia da tempo immemore aleggia ma il cui monito pare non abbia insegnato nulla a quanti amano parlare pubblicamente senza dare un contenuto alle loro parole.

Comportamento puerile del sindaco di Giulianova. Cerca di darsi un contegno spostando il discorso dalla gnocca alla politica. E per fare cio sceglie il bersaglio grosso, il sindaco di teramo. Ma non è da lui polemizzare ed offendere il sindaco di teramo.

Bravo sindaco, si vergogni, si vergogni per come amministra Giulianova. Alla stregua del sindaco di Teramo.
Io pago le tasse a Teramo così come a Giulianova e Le garantisco che non c'è differenza alcuna, anzi sembra che riusciate a fare addirittura peggio.
Le garantisco anche che se dovesse raggiungere la stazione o il lido a piedi da Via Turati magari con un passeggino o in carrozzina si vergognerebbe di più, dovendo passare sulla nazionale a causa dell'impraticabilità dei marciapiedi, senza scivoli, deteriorati e fatiscenti. Magari cerchi di passare dal sottopasso di via Salerno e poi mi racconti...
Non si vergogna per gli spiaggiati lasciati a marcire settimane per la gioia dei bagnanti? Bella vetrina.
Non si vergogna per i palazzi fatiscenti a ridosso di via Sauro? Il salotto buono della città.
Non si vergogna per i giochi offerti ai bimbi ai parchi pubblici?
Non si vergogna delle manifestazioni offerte? Bancarelle su bancarelle su bancarelle.
Non si vergogna per aver inaugurato in pompa magna la ruota panoramica? Una famiglia con due bimbi deve spendere 24 euro per un giro. Ma tanto Lei non avrà pagato.
Non si vergogna per lo spazzamento delle strade che, se e quando avviene, lascia a terra anche le feci dei cani?
Mi sembra deprimente continuare, potrei farlo all'infinito, così come per Teramo.
Fa bene a vergognarsi Sindaco! Su questo ha il mio pieno appoggio.
Dalla provincia di Teramo...

MALEDICERE, QUEL TRISTE VEZZO DI BOASIMARE L'ALTRO
ricordo ai due amministratori, delle NOSTRE due belle Città, che lingua lunga & saggezza raramente passeggiano insieme.
Ridere NON deridere, parlare NON sparlare
infatti basta una sillaba in più per tramutare ELEGANZA in VOLGARITÀ!
Il faut savoir
Aznavour

"Bellissima" la persona dietro (un dipendente pubblico?) che dopo essersi fumato la sua sigaretta,butta la cicca per terra.Il tutto,ironicamente,a contrasto con le parole dell'intervistato.

Ha ragione!

Mi pento subito di commentare le parole del dott. Costantini, evidentemente caduto nella trappola tesa per la domanda posta dall’emigrante intervistatore. Per quanto riguarda la vergogna che prova il Sindaco di Giulianova mi stupisce che sia l’unica che provi , evidentemente in assenza di una riflessione sulla propria coerenza, stigmatizzata in maniera decisa dai propri concittadini, che pure hanno brillato in precedenza per la difesa di valori irrinunciabili. Ma che ci vogliamo fare: questi sono i tempi e purtroppo questi sono gli uomini.

Da quale pulpito arriva la predica…..secondo me (e tutti quelli che conosco) possono darsi la mano!!

La battaglia politica è doverosa, ma quando un sindaco di città diversa si permette di giudicare l'operatore di un suo pari, credo che manchi di bon ton istituzionale anche se fossero reali le critiche.
Cioè hai cagato fuori dalla tazza e da Teramano la cosa mi infastidisce parecchio.

La politica dovrebbe essere una cosa seria. Purtroppo questi personaggi l’hanno ridotta ad una barzelletta quotidiana.