Salta al contenuto principale
|

Pasquale Tiberii " Il sindaco D'Alberto è vittima del fuoco amico"

2 minuti

A pochi giorni dall’ingresso come consigliere capogruppo di Fratelli D’Italia non  mi aspettavo da questa maggioranza consiliare e dal Sindaco D’Alberto un tale assist per un intervento sulla situazione politica e amministrativa attuale.

Alcune riflessioni sono dovute.

Che ad appena un anno e otto mesi dall’elezione del Sindaco ci dovessimo trovare di fronte a questa situazione sinceramente non lo avrei mai pensato; ricordo ancora l’euforia delle forze politiche che sostenevano e forse ancora oggi sostengono l’amministrazione che sulle note di ”bella ciao” cantavano per aver liberato Teramo dai distruttori del centro destra garantendo il cambiamento. Beh sinceramente di cambiamento se n’è visto ben poco ed anzi ora la situazione politica della maggioranza è ben più grave di quella che nel secondo mandato del Sindaco Brucchi ha determinato poi la caduta dell’amministrazione.

Il Sindaco D’Alberto si è sempre fatto forte della sua maggioranza dicendo di avere dei gruppi uniti con una giunta forte e competente.

Bene Sindaco la sua lettera, al netto delle Sue valutazioni su presunti “interessi personali” della precedente amministrazione che con rammarico ma anche con forza a Lei rimando, lascia trapelare tutt’altro, trapela la sua difficoltà perché lei è vittima come lo era il Sindaco Brucchi del fuoco amico ma ancora più triste il suo tentativo di uscire da questa situazione aprendo spazi dell’esecutivo a chi oggi è all’opposizione tra l’altro suoi competitor nella corsa all’elezione di Sindaco..

Caro Sindaco allora faccia quello che diverse volte dai banchi dell’opposizione con veemenza consigliava al Sindaco Brucchi,  getti il cuore oltre l’ostacolo, faccia il Sindaco, azzeri la sua giunta e se davvero ha nella sua maggioranza che l’ha portata alla vittoria la forza politica di andare avanti costruisca una nuova squadra e inizi finalmente a governare questa città.

Caro Sindaco delle due l’una; o  lei puo’ contare sulla sua maggioranza e governi la città o altrimenti tiri le somme e lasci stare operazioni tattiche perché non posso credere che adesso Lei  consideri la possibilità di un allargamento di giunta  perchè se così dovesse davvero essere sicuramente i cittadini teramani non avranno difficoltà alcuna nel ricordare i suoi strali contro il sindaco Brucchi e il centro destra rei di procedere, nell’operazioni di allargamento di giunta, ad una spartizione sistematica del potere come da Lei piu’ volte sostenuto. Lei farebbe nel caso esattamente lo stesso.

Pasquale Tiberii

Capogruppo Fratelli d’Italia

Commenta

Commenti

Il problema, caro Tiberii, è che Brucchi è stato vittima solo della sua mala gestio, non del fuoco amico..

in italia è tutto un fuoco amico.....quale sarebbe la novità??

Comincia a riflettere sul brucchismo e sui suoi dissesti