Salta al contenuto principale
|

Il Turismo macabro di Rigopiano

1 minuto

Oggi alle ore 9.00, a 5 mesi dalla tragedia dell'hotel Rigopiano che ha distrutto le nostre vite, il "Comitato vittime di Rigopiano" si radunerà presso la "Baita della Sceriffa", a pochi chilometri dal luogo del disastro, per parlare delle prossime imminenti mosse.

In particolare si affronterà l'argomento del "TURISMO MACABRO". Infatti, vista la totale passività delle istituzioni nell'adottare misure che impediscano in modo efficace ai visitatori di accedere nell'area posta sotto sequestro, abbiamo deciso di organizzare noi un servizio di ronda per sorvegliare l'area. Ogni fine settimana noi membri del comitato, abbigliati con magliette realizzate per l'occasione ed attrezzati con tende e radio per la comunicazione , ci alterneremo presso una postazione appositamente studiata da cui è possibile controllare tutta l'area dell'hotel e, attraverso binocoli ed una macchina fotografica con obiettivo speciale a lungo raggio, fotograferemo chiunque oltrepassi il limite della zona rossa senza autorizzazione, consegnando successivamente le foto alle forze dell'ordine e sporgendo adeguata DENUNCIA.

Con l'occasione, in ricordo dei nostri angeli, vi sarà la celebrazione di una messa di commemorazione e la deposizione di 29 fiori e una corona presso il canalone, lì dove è passata quella valanga che ha cancellato per sempre i sogni dei nostri cari. 

Il "Comitato vittime di Rigopiano", inoltre, esprime la massima solidarietà e la massima vicinanza nei confronti dei familiari delle vittime dell'incendio di Londra, in particolare nei confronti dei genitori dei nostri connazionali Marco e Gloria: hanno passato esattamente come noi momenti interminabili di angoscia, in cui non riuscivano ad avere alcuna notizia dei propri cari. Sono momenti bruttissimi, in cui migliaia di pensieri al secondo offuscano la mente, ed anche a Londra come a Rigopiano vi sono state vittime per una tragedia esclusivamente costruita dall'uomo. 

Grazie di aiutarci, come sempre, a far sentire al mondo la nostra voce. 

Commenta