Salta al contenuto principale

Abruzzo: Tortoreto. Terraviva tra i migliori vini al mondo...

di Giancarlo Falconi
6 minuti

Prima di tutto leggiamo direttamente dal Gambero Rosso.

 

I Tre Bicchieri 2021 dell’Abruzzo

Sono 14 i Tre Bicchieri in quest’edizione della Guida, 5 i Montepulciano, si va dai vini freschi e fragranti della montagna, modellati dai venti freddi e dalla roccia, a quelli più ricchi e potenti alimentati dalla luce e dall’argilla, fino alle sensazioni più salmastre quando ci avviciniamo alla costa. Valentini va a segno con un’interpretazione di gran carattere, la 2015, accanto a lui troviamo Castorani, Illuminati, Tollo e Valle Reale. Ben tre i Cerasuolo d’Abruzzo premiati: Cataldi Madonna, Terraviva e Pepe, un tris di rosati d’autore.

PUBBLICITÀ

In evidente crescita qualitativa il Pecorino, un bianco che ha giovato del successo di vendite degli ultimi anni virando verso profumi più complessi e minerali, da piccolo Riesling dell’Adriatico. Regala vini sempre più affilati e definiti, capaci di evolvere nel tempo con sorprendente grazia. Quattro i Tre Bicchieri: Codice Vino, Villa Medoro, Masciarelli e Feudo Antico. Infine, il Trebbiano d’Abruzzo, due i massimi riconoscimenti per la denominazione, con due versioni che godono di un surplus di affinamento in bottiglia. Parliamo del Trebbiano Solàrea di Agriverde e dell’eccellente Bianchi Grilli per la Testa di Torre dei Beati.

-Tenuta Terraviva – Cerasuolo d’Abruzzo Giusi ’19
-Agriverde – Trebbiano d’Abruzzo Solàrea ’18

  • Castorani – Montepulciano d’Abruzzo Amorino ’16
  • Cataldi Madonna – Cerasuolo d’Abruzzo Piè delle Vigne ’18
  • Codice Vino – Abruzzo Pecorino Sup. Tegèo ’18
  • Feudo Antico – Tullum Pecorino Biologico ’19
  • Dino Illuminati – Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Zanna Ris. ’15
  • Masciarelli – Abruzzo Pecorino Castello di Semivicoli ’19
  • Emidio Pepe – Cerasuolo d’Abruzzo ’19
  • Cantina Tollo – Montepulciano d’Abruzzo Mo Ris. ’16
  • Torre dei Beati – Trebbiano d’Abruzzo Bianchi Grilli per la Testa ’18
  • Valentini – Montepulciano d’Abruzzo ’15
  • Valle Reale – Montepulciano d’Abruzzo Vign. Sant’Eusanio ’18
  • Villa Medoro – 8 ½ Pecorino ’19

    Avete mai visitato la tenuta Terraviva sulle terrazze di Tortoreto Alto?
    L'affacciata sul mare e le colline a proteggere le spalle.
    Il Gran Sasso a dominare e la salsedine che racconta di altri fossili.
    Si raccontano tante storie su Pietro Topi e la sua passione per la terra da non calpestare.
    Forme d'acqua che assumano le sembianze di antichi mestieri.
    Maestri di Bottega e altre invenzioni come l'etichetta per il Giro D'Italia.


    "Si è svolta, presso la Tenuta Terraviva di Tortoreto, la presentazione del Cerasuolo d’Abruzzo DOC “Giusi”, un vino rosato la cui etichetta speciale è ispirata alla tappa Lanciano-Tortoreto del Giro d’Italia 2020, in programma il prossimo 13 ottobre.

    All’evento hanno partecipato il Sindaco di Tortoreto, Domenico Piccioni, l’Assessore al Turismo Giorgio Ripani, Federica Topi, responsabile marketing della Tenuta Terraviva ed Ivan Di Marco, marketing manager di Mind in Action, Brand and Communication Agency con sede ad Alba Adriatica che ha progettato l’etichetta speciale.

    “Il nostro Cerasuolo - ha sottolineato Federica Topi – viene vinificato da uve Montepulciano, il vitigno principe dell’Abruzzo. Viene vinificato “in bianco”, a contatto con le bucce giusto il tempo della pressatura, un paio d’ore, per renderlo il più fresco e beverino possibile, perché questa caratteristica ben si adatta alla nostra collocazione geografica, a ridosso del mare. Abbiamo dedicato al Cerasuolo un appezzamento di vigna di montepulciano, che esiste da trent’anni e dalla quale facciamo questa vinificazione in bianco”.

    La Tenuta Terraviva, recentemente premiata dal Comune di Tortoreto quale eccellenza del territorio durante la cerimonia di celebrazione delle Spighe Verdi della Fee, ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale, tra cui la “Chiocciola Slow Wine”, il “Vino Quotidiano” ed il riconoscimento tra i 100 migliori rosati d’Italia di Slow Wine per il “Giusi” 2019, il “Vino Slow” con il Trebbiano d’Abruzzo Mario’s  45 2017 ed il premio “Tre Bicchieri” del Gambero Rosso.

    “Voglio ringraziare la Tenuta Terraviva – ha affermato l’Assessore al Turismo Giorgio Ripani -  per aver accettato immediatamente la mia proposta di realizzare una bottiglia che omaggiasse la decima tappa del Giro d’Italia 2020. È un ulteriore segnale di quanto siano sensibili al tema della valorizzazione del nostro territorio: sin dagli anni settanta hanno creduto ed investito in Tortoreto, con risultati che la terza generazione di imprenditori sta ottenendo anche a livello internazionale. Oggi, donano alla nostra città un ulteriore, elegante, tocco di rosa in omaggio al grande evento del 13 Ottobre”

    “In occasione della tappa del 13 ottobre– ha dichiarato il Sindaco di Tortoreto Domenico Piccioni – Tortoreto potrà brindare con l’edizione limitata a tema del “Giusi”, un eccellente rosato prodotto sulle nostre colline, che si abbina alla perfezione con la carovana rosa del Giro. La nostra Amministrazione sta portando a termine una stagione estiva molto impegnativa, che però ha dato soddisfazioni in termini di presenze anche a settembre, e proseguirà con  i suoi progetti che puntano alla valorizzazione di Tortoreto e delle sue tante eccellenze: è un piacere fare squadra con le realtà del territorio per promuovere le qualità del nostro Comune”.

     Proprio il concetto del “lavoro di squadra”, che ben si adatta ad uno sport come il ciclismo, ha ispirato il layout dell’etichetta, ha sottolineato Ivan Di Marco, Marketing Manager di Mind in Action, “con uno stile minimalista e un’eleganza in linea con l’immagine Terraviva. Abbiamo voluto rappresentare il ciclista con un unico tratto grafico, a simboleggiare l’unione d’intenti tra l’Amministrazione e realtà produttive del territorio per la valorizzazione di Tortoreto”.


    E poi la prossima etichetta sarà di Leonardesca memoria?

    "Et però credo che molta felicità sia agli homini 
    che nascono dove si trovano i vini buoni".

Commenta