Salta al contenuto principale
|

Teramo è una città che ti lascia di Cesso...

2 minuti

Teramo ha una nuova immagine.
Immortalata, impressionata da un uomo di cultura mentre passeggiava in centro storico.
Quando si prova ancora imbarazzo; quando ci si sofferma; quando ci si ferma; quando ci si domanda; quando si cerca una soluzione, allora non tutto è morto.
Quel cesso era stato abbandonato?
Chi potrebbe adottare un cesso?
Uno stallo per l'estate per una stalla umana.
La politica teramana è troppo occupata a pensare agli ultimi scampoli di vita.
La Teramo Ambiente e la sua presidenza, il suo cda, si può pensare alla Città?
Quel cesso diventa l'immagine tra l'Amministrazione Brucchi e i suoi cittadini.
Un punto d'incontro.
La politica s'incessa per aver costruito la peggiore Amministrazione nella storia di Teramo.
Analfabeti democratici.
I teramani s'incessano per aver votato la peggiore Amministrazione della storia di Teramo.
Analfabeti clientelari.

Le interviste impossibili di Paolo Tancredi, il parlato mirato e chirurgico di Paolo Gatti, la finta libertà del sindaco Brucchi, offendono, smaccano, insultano, ingiuriano, oltraggiano, umiliano, evidenziano l'assenza di partecipazione alla vita cittadina dei teramani.
L'opposizione?
Litiga per chi diventerà il nuovo capo gruppo del partito democratico. 
Discute sul futuro di mille liste civiche.

Tutto è lasciato all'improvvisazione senza prevenzione e il senso di una progettualità.
La responsabilità civica?
La famiglia morale uccisa dal familismo amorale. 
La cultura è in quel cesso, la manutenzione è in quel cesso, i lavori pubblici sono in quel cesso, i fondi europei in quel cesso, le scuole in quel cesso, la ricostruzione in quel cesso, la discarica La Torre in quel cesso, il verde pubblico in quel cesso, le strade in quel cesso, le frazioni in quel cesso, il sociale in quel cesso, il lavoro in quel cesso, il commercio in quel cesso, i parchi pubblici in quel cesso, lo sport in quel cesso, la solidarietà in quel cesso,  la sicurezza in quel cesso, noi in quel cesso....il futuro?
Tirate la catena e ricominciamo?
 

Commenta

Commenti

|

Alcuni giorni fa' titolo locandina del Messaggero:" Gatti scarica Brucchi"
D'Alberto scarica il PD.

Questo è un cesso itinerante per la città

Rispetto per il cesso!!!!!

|

sbaglio a dire che Teramo è diventata una città di merda ?

|

Pur approvando tutto ciò che è stato scritto, provo a dare una spiegazione all'ubicazione di quel cesso. Se gli urinatori teramani hanno scelto quel portone di sovente, qualcuno non dell'amministrazione Brucchi, ha voluto facilitare la ricerca del posto adatto. Povera Teramo ed i teramani.

|

Teramo diventera`un caso esemplare, da studiare nelle universita`,di cosa non fare per ridurre una citta` antica , bella, pregiata a un cumulo di fallimenti urbanistici e architettonici. Solo un bombardamento avrebbe fatto peggio degli amministratori acefali che da decenni ammorbano il nostro territorio , eletti non per qualita` umane e/o tecniche ma semplici eredi di potere tramandato per lignaggio familiare. Teramo ormai e` solo materia di studio,un abominio.

|

Quello è il nuovo stilema di Teramo!

|

A proposito di sporcizia: questa mattina, sul lungo fiume, all'altezza dei campi da tennis, buste di spazzatura lasciate sul percorso. Chi mai le toglierà? Chi mai vigilerà su quel tratto? Ma si, tiriamo la catena almeno qualche stronzo scenderà lungo lo scarico.

|

ECCO , QUESTA POTREBBE ESSERE UN IDEA !!!!!!!!!!! OGNI COMMERCIANTE DEL CORSO DOVREBBE METTERE UN CESSO FUORI OGNI VETRINA !!!!
Buona giornata a tutti

|

ok, ma quel cesso mica lo hanno messo quelli di giulianova o campli....

|

Brucchi com'era Teramo quando l'hai presa?? E adesso com'e'?? Fatti una domanda e datti una risposta!

|

il disastro di Teramo è iniziato con il famigerato "Modello Teramo" del sig. Chiodi...Brucchi ha completato "l'opera" .

|

CESSO di dirti che ti adoro, però io resto qui;
FECI un danno a dirti t'amo, però io resto qui;
SCARICO il cuore dalle amarezze, però io resto qui.
PULISCI ciò che resta di Lei, però io resto qui..........è PIÙ FORTE di ME!
Allons enfants
Aznavour