Salta al contenuto principale
|

Pediatri non pagati? Asl di Teramo condannata per 2 milioni di euro

1 minuto

Hanno vinto anche innanzi alla Corte d'Appello dell'Aquila i pediatri teramani, riuscendo a farsi riconoscere dai giudici almeno quei due milioni di euro che la Asl di Teramo non aveva mai versato loro. La Asl di Teramo è stata condannata per aver unilateralmente ridotto i compensi maturati dai pediatri per numerose prestazioni erogate ai piccoli pazienti. Riduzione iniziata addirittura nel 2008. I pediatri erano chiamati a svolgere l'attività di assistenza medica, garantendo tutte le prestazioni previste dall'accordo integrativo regionale nonostante la Asl avesse ridotto di oltre la metà i relativi compensi. Si trattava per esempio delle indennità per i libretti pediatrici e per la reperibilità telefonica, tutte prestazioni aggiuntive rese dai medici, utili ai pazienti ed apprezzate dai genitori. I pediatri hanno quindi fatto causa alla Asl chiedendo al giudice il riconoscimento dei compensi maturati per il lavoro svolto e le prestazioni erogate a favore dei pazienti in applicazione dalla contrattazione collettiva. Compensi spariti o drasticamente ridimensionati a fronte di prestazioni sempre erogate, nonostante tutto. Per anni infatti i pediatri hanno continuato a garantire ai piccoli pazienti tutte le cure di cui necessitavano. Dopo una lunga battaglia legale, la Corte d'Appello dell'Aquila ha confermato le sentenze del tribunale di Teramo, condannando Circonvallazione Ragusa a pagare tutte le differenze retributive maturate dai numerosi pediatri in tutti questi anni per circa 2 milioni di euro. I pediatri sono stati tutti difesi dallo studio legale Crocetta di Chieti


 

 PAOLA PELUSO

Commenta

Commenti

soldi soldi soldi. paghiamo sempre noi sudditi, compreso il cattivo servizio. un grande grazie agli amministratori.